Punto nascite ospedale di Spoleto, il Movimento 5 Stelle presenta un esposto ai Carabinieri di Roma

  • Letto 454
  • Il comunicato stampa 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    La deputata del MoVimento 5 Stelle, Emma Pavanelli, ha presentato un esposto ai Carabinieri di Roma sulle gravi carenze documentali della Regione Umbria in merito alla richiesta di deroga del Punto nascite di Spoleto. In una nota congiunta con il consigliere regionale Thomas De Luca, l’assessora al Comune di Spoleto Agnese Protasi e i consiglieri Samuele Bonanni ed Enrico Morganti, gli esponenti pentastellati comunicano che l’esposto è stato già inviato alla Procura per le relative indagini. “La battaglia per la comunità di Spoleto e la riapertura del Punto nascite dell’ospedale San Matteo degli Infermi va avanti – dichiarano – la chiusura di un presidio fondamentale per una vastissima area del territorio umbro è semplicemente inaccettabile.

     

    Una precisa scelta politica della Regione Umbria nascosta dietro una richiesta di deroga inviata al Ministero della Salute allegando una documentazione solo parziale delle attività svolte dal Punto nascita, senza contare che i numeri sono stati sicuramente inficiati dalla conversione in Covid hospital durante la pandemia Covid-19. Chiudendo un Punto nascite la Regione ha tolto di mezzo un reparto di ginecologia che serve a donne di tutte età ed eliminato il reparto e i medici di Pediatria che dovrebbero occuparsi di curare i neonati. Un danno enorme a migliaia di famiglie costrette a lunghi viaggi della speranza per recarsi in altri ospedali con il rischio di incappare in qualche emergenza spiacevole” concludono.

    Emma Pavanelli deputata alla Camera M5S
    Thomas De Luca consigliere regionale M5S Umbria
    Agnese Protasi assessora Comune di Spoleto
    Samuele Bonanni capogruppo M5S Spoleto
    Enrico Morganti consigliere M5S Spoleto

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    One Comment For "Punto nascite ospedale di Spoleto, il Movimento 5 Stelle presenta un esposto ai Carabinieri di Roma"

    1. Aurelio Fabiani
      Febbraio 22, 2023

      Un po’ come Giano bifronte. Una gamba di qua e una di là della barricata. Uno sguardo alla piazza, dal consiglio regionale e l'”esposto” ai CC di Roma, e uno sguardo al Palazzo Comunale, col sostegno alla Giunta Sisti, che sostiene Terzo Polo Ospedaliero così com’è che cancella Emergenza Urgenza, Punto nascite, pediatria e cardiologia h 24. Non serve un esposto ai carabinieri ma coraggio politico: scendere dalla carrozza del Sindaco pro terzo polo, dove siede il M5S accanto ai Renziani e al PD. Firmato Uno di quelli più rissosi

      Rispondi

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....