SpoletoSpaziriAperti: i cittadini si riappropriano degli spazi abbandonati della loro città

  • Letto 973
  • Cittadinazattiva e Cittanuova sostengono il diritto degli spoletini al il riuso collettivo degli spazi abbandonati domenica 11 dicembre , dalle ore 9 alle 13

    Domenica 11 dicembre, alle ore 9.00, tutti i cittadini di Spoleto sono invitati a trovarsi in piazza Garibaldi per dare luogo ad una esplorazione civica delle vie e delle piazze del centro cittadino. Il motivo? Mappare insieme spazi, luoghi, beni che attualmente versano in uno stato di abbandono ma che sono importanti per lidentità cittadina. Lo scopo è avviare tali beni a diverse destinazioni d’uso di valenza collettiva, attraverso iniziative di rinnovamento urbano ad opera dei cittadini, senza per forza dover aspettare i sempre più carenti fondi pubblici.

    ‘SpoletoSpaziriAperti, è un’iniziativa di grande interesse – ha detto l’Assessore alla Cultura Camilla Laureti – perché riesce a coinvolgere la comunità in unoperazione realmente interattiva. Anche a Spoleto, dopo il successo fatto registrare in altre importanti città italiane, daremo vita ad un evento partecipativo realizzato grazie a Cittadinazattiva e Cittanuova. Un modo efficace per compiere una ricognizione dei luoghi della città, visti attraverso gli occhi e le emozioni dei cittadini. Tutti potranno così contribuire con le proprie idee e i loro suggerimenti ad immaginare scenari e prospettive per ripensare e rivitalizzare luoghi e spazi abbandonati o sottoutilizzati del nostro straordinario patrimonio’.

    ‘Si tratta della declinazione spoletina del progetto Disponibile, promosso da Cittadinanzattiva a livello nazionale per il riuso degli spazi abbandonati e che ha dato vita a molte significative esperienze in altre parti di Italia, da Roma a Reggio Calabria, da Torino a San Giuseppe Jato in Sicilia – dice Alfonso Raus, Responsabile regionale Area Rigeneraziome Urbana di Cittadinanzattiva – Anche a Spoleto ci troviamo di fronte a tanti beni inutilizzati: abitazioni, uffici, ex chiese, strutture sportive, palestre, capannoni industriali, ecc..,  un vero e proprio patrimonio che si riduce nel suo valore man mano che va verso il degrado. Il rinnovamento urbano o il restauro, condotti con investimenti pubblici, si possono applicare ad un numero ridotto di situazioni. Invece un recupero intelligente e lungimirante è possibile grazie all’azione dei cittadini, attraverso progetti semplici, economici, facilmente realizzabili, ma anche utili e piacevoli’.

    La mattinata vedrà i cittadini impegnati in una sana camminata nella parte storica di Spoleto. In particolare saranno coinvolte le cinque zone del centro: Borgo, Borgaccio, Monterone, Ponzianina e la parte alta, ovvero la zona di S. Domenico – P.zza Mercato – P.zza Campello- Rocca. Naturalmente si tratta di una prima giornata, a cui ne seguiranno altre, nelle quali si potranno mappare altre zone della città, anche in periferia.
    I cittadini saranno attrezzati con una cartina e una apposita scheda che servirà per segnalare un dato bene, spazio, luogo, durante la camminata. Per segnalare un bene basterà fotografare, fare un breve filmato o effettuare una propria registrazione vocale con il cellulare. Per chi non ha troppa dimestichezza con le tecnologie, invece, basterà semplicemente riempire la scheda e consegnarla ai volontari presenti durante la passeggiata.
    A fine mattinata, verso le 12:00, ci si ritroverà al Complesso di San Nicolò per fare un primo punto su quanto emerso dalla mappatura e circa le proposte dei cittadini. In questa occasione darà un importante contributo anche l’associazione ‘Libera Associazioni’, nomi, numeri contro le mafie con un breve intervento circa il riuso a fini sociali dei beni confiscati alle mafie in Umbria ed in particolare a Spoleto. Il tutto sarà allietato da un aperitivo gentilmente offerto da Cittadinanzattiva e dalle ragazze di Piazzetta delle Erbe e sarà accompagnato dalle note dell’ensemble spoletina Groowa Circus, capitanata dal maestro Marcello Bizzarri, che si esibirà anche come gruppo itinerante durante la mattinata.
    SpoletoSpaziRiaperti ha già suscitato l’interesse di molti: sia dei singoli cittadini che hanno in questi mesi partecipato alle riunioni per avviare l’iniziativa, sia delle molte associazioni, che hanno deciso di sostenere SpoletoSpaziRiaperti, l’Associazione ‘il Bruco’, il Cantiere Oberdan, l’Associazione ‘d’Ora in poi’, la Rete degli Studenti Medi, i ragazzi della Libreria Aurora e l’associazione ‘Libera’. Ma anche l’amministrazione comunale ha compreso l’importanza di un progetto mirato a rianimare la città a partire dal centro storico, che purtroppo non sta attraversano uno dei suoi momenti migliori. Ed infatti la manifestazione è stata inserita tra gli eventi di fine anno ed ha ricevuto il plauso del nuovo Assessore alla Cultura Camilla Laureti, che si è detta entusiasta e pronta a camminare insieme agli altri spoletini.
    Per chi volesse avere maggiori dettagli sul progetto SpoletoSapziRiaperti e sulla giornata dedicata alla mappatura civica è possibile seguire liniziativa attraverso la pagina facebook @SpoletoSpaziriaperti.BANNER-DUE-MONDI

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo neri 2021-08-22 07:48:48
    Eccheporc...me lo dici il giorno dopo?
    Eugenia Serafini 2021-08-18 10:00:46
    Non mi è chiaro il rapporto Festival di Spoketo 2021 e Premio Nobel . Eugenia Serafini
    Aurelio Fabiani 2021-08-14 20:44:53
    Zitti! E verognateve!
    Giovanni Cameli 2021-08-09 17:04:50
    Complimenti vivissimi per l'incarico ricevuto. Mi ricordo di te quando eri allievo del "Capitano" ai tempi del collegio; eri molto.....
    giorgio proietti 2021-08-02 11:46:07
    perchè parlare a vanvera sapete come sono successe le cose?