Spoleto smart city? Lega: poche idee e confuse. App per i parcheggi ci sono già

  • Letto 320
  • La nota stampa 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    È di questi giorni la notizia dell’iniziativa della giunta comunale di trasformare la città di Spoleto in una sorta di Silicon Valley del sud dell’Umbria.
    E tra le varie iniziative ne figura una che appare del tutto inadeguata e inappropriata per la nostra città.

    Sembra del tutto inutile infatti affidare ad una società esterna la redazione di un capitolato di spesa per la progettazione di una app per dispositivi mobili che consenta il pagamento delle quote di parcheggio.

    Dalle notizie trapelate sembrerebbe che questo diventerà l’unico metodo di pagamento; un problema senza dubbio evidente, considerando che il turista (ma anche il cittadino) dovrebbe avere la possibilità di poter pagare con il maggior numero di modalità, dai contanti alle carte di credito, o anche attraverso le moderne app installate nei nei nostri smartphone.

    Il fatto è che in Italia esistono già decine di app che consentono il pagamento delle quote di parcheggio, esse infatti corrispondono ai tanti operatori commerciali attraverso i quali un comune, con una semplice convenzione, può attivare il servizio.

    Non capiamo perché un cittadino di Spoleto, o un turista, debba essere costretto ad installare una nuova app rispetto a quelle che sono già disponibili sul mercato e sui vari smartphone.
    Rimane difficile quindi capire la ragione di affidare ad una società terza la progettazione e la realizzazione di un’ applicazione che invece è già disponibile sul mercato.

    Questa decisione evidenzia la distanza dalle reali esigenze della città dell’amministrazione comunale, c’è un problema decennale legato alla nostra mobilità alternativa e alla mancanza di indicazioni efficaci per i turisti. Questo porta ad arrangiarsi alla vecchia maniera, scrivendo con il gessetto per terra; un’ immagine sicuramente non degna per una città come Spoleto.

    Le proposte fatte sono senza dubbio slegate dalle esigenze della realtà cittadina, scelte fatte per rincorrere delle “mode” urbane che poco interessano agli spoletini; poche idee e molto confuse.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Michele Zicavo 2022-11-30 10:07:50
    Ringrazio tutta la Redazione per l'attenzione e la sensibilità dimostrata nei confronti di questi meravigliosi ragazzi e del progetto "Calcio.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-28 21:38:55
    Ben arrivati. Il treno della protesta è partito 55 giorni fa. Comunque vediamo che volete fare.
    Aurelio Fabiani 2022-11-23 10:23:54
    INTITOLARE UNA STRADA A GINO STRADA. OTTIMA PROPOSTA. MA SE POI FAI LA STRADA OPPOSTA, QUESTA PROPOSTA NON E' UNA.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-16 20:52:40
    Vigilare sul previsto? Hanno già fatto. Chiuso il punto nascite. A chi tiene in mano le chiavi del city forum.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-08 06:56:41
    Hanno anche il coraggio di parlare!