Spoletini all’estero: Francesco Marini da Spoleto al Brasile… all’Oriente?!

  • Letto 3851
  • La brillante carriera di un ingegnere spoletino in FIAT

    di Alessio Cao

    Il 2020 di “Spoletini all’estero” si apre in Brasile, per fare la conoscenza del nostro concittadino Francesco Marini che dopo una brillante carriera universitaria e la laurea in ingegneria meccanica è volato oltre oceano per inseguire la sua carriera.

    Buongiorno Francesco è un piacere incontrarti. Raccontaci, come nasce il tuo trasferimento in Brasile partendo dalla piccola Spoleto. Per quale azienda lavori e di cosa ti occupi in dettaglio?

    Buongiorno a te, beh un po’ per caso, seguendo le opportunità che l’azienda mi ha proposto. Lavoro per FCA (FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES). Sono partito nel 2008 per Cassino (FR) dove ho iniziato come responsabile di un team di produzione nello stabilimento dell’allora FIAT. La prima esperienza estera è stata in Serbia nel 2011, come responsabile di produzione del montaggio, seguendo la necessità dell´azienda di avere personale formato in loco. Nel frattempo FIAT è diventata FCA e la nuova apertura dello Stabilimento JEEP in Pernambuco mi ha portato in Brasile nel 2013. Ora mi occupo a Belo Horizonte della pianificazione degli investimenti industriali per tutta la regione Sud America di FCA. In questi anni ho avuto modo di viaggiare per l´America Latina in lungo e in largo , e molte volte nelle altre regioni del mondo dove FCA opera. Sicuramente non mi sono annoiato!
    Per i dettagli rimando al mio profilo Linkedin: https://www.linkedin.com/in/francesco-marini-a4b57574/

    Il Brasile è una terra affascinante, considerata dai turisti la patria della bella vita, dell’allegria e dello svago. Com’è invece la vita quotidiana e lavorativa? Ci sono differenze tra le varie città che hai visitato?

    Il Brasile non è un paese, è un continente, molto diverso sia per natura, clima, cibo, tradizioni. Lo stato dove vivo (minas Gerais) è più grande dell´Italia. E´ un paese sempre allegro, molto ricettivo, che ama divertirsi. La vita quotidiana è ottima, immagina sempre Giugno tutto l´anno! Oltre Belo Horizonte, dove vivo e che amo, almeno 2 volte l´anno vado a Sao Paulo e Rio de Janeiro. San Paolo è una New York dell’ America Latina, Rio de Janeiro..è Rio de Janeiro!

    Come ci vedono i brasiliani? Gli italiani hanno una buona reputazione?
    Italians do it better! Passami questa affermazione. Scherzi a parte, in Brasile ci vedono come le persone che hanno stile, gusto, che sanno cucinare e sanno vivere! Nel lavoro come le persone con ottima formazione che fanno la differenza. Insomma ci vedono molto meglio di come ci vediamo noi stessi. Questo è dovuto sia al fascino della cultura e arte in se dell´Italia , sia al fatto che molti brasiliani hanno radici italiane.

    Brasile e lavoro. Se non fossi dipendente di una società europea, consiglieresti comunque questa nazione per un connazionale che voglia investire soldi o tempo all’estero?

    Domanda difficile. Dipende. Il Brasile è un paese emergente in una regione diciamo “agitata” e come tale ricerca capitali e persone molto formate e con esperienza . Nel caso un connazionale abbia una delle due il Brasile è un ottima nazione per lavorare ed il Brasile stesso ti accoglie a braccia aperte, altrimenti non la consiglio molto, essendo ancora un mercato un pò chiuso.

    Sappiamo da fonti riservate che stai per sposarti (3 gennaio, tra 2 giorni), facciamo un po’ di gossip. Raccontaci dove e come hai conosciuto la tua futura moglie e quali sono i vostri progetti di vita e lavorativi nell’immediato futuro.

    Non ti ho detto che viaggio molto? Beh l’Argentina è un bel paese, ci siamo conosciuti là. Lei brasiliana che lavorava a Cordoba e ora viviamo a Belo Horizonte. Aria di Oriente? Chi vivrà, vedrà.

    Come di rito, saluta la tua città descrivendola in poche parole.

    Un presepe! Bella da lasciare a bocca aperta chiunque. L´essere un presepe è anche il suo maggior difetto. Un abbraccio a tutti gli Spoletini!

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Alberto Bussoni 2020-01-23 17:08:18
    Pensa un po'....ne ha fatta di strada Alberto da quando gli passavo i compiti dentro una penna improbabile.......
    Carlo Neri 2020-01-23 07:24:07
    Eeee..ma se Ferrara non facesse il direttore artistico, regista. musicista, attrezzista etc.... come farebbero a "campare" lui e la gentile.....
    Renato 2020-01-14 16:24:59
    Ballista
    Piero Gasparri 2019-12-05 16:36:17
    grande fotografo, sono orgoglioso di te
    Carlo Neri 2019-12-04 16:16:10
    Ma il sindaco lo sa che i fans di Patti Smith, quelli di una certa età, sono gli stessi che.....