Sperimentare, che passione. Il Festival dei Due Mondi esplora il nuovo mondo della ricerca scientifica: da capire e insegnare, con l’aiuto della Fondazione Amgen

  • Letto 256
  • L’innovativo programma Amgen Biotech Experience, al centro di un incontro internazionale a Spoleto65 

    Il Festival dei Due Mondi, spazio di riferimento mondiale per le esperienze più innovative in campo culturale e artistico, apre le porte al mondo delle biotecnologie e al modo di esplorarle, farle conoscere, apprezzare e ‘insegnare’.
    Giovedì 30 giugno dalle ore 15.30 il complesso monumentale San Nicolò ospita “L’arte di insegnare per accendere la passione per la Scienza”, forum internazionale che vede la partecipazione di insegnanti, studenti, docenti universitari, ricercatori e rappresentanti di Fondazione Amgen, che con il suo programma Amgen Biotech Experience (ABE) è al centro dell’incontro.

    Amgen Biotech Experience è un’iniziativa unica nel suo genere. Si tratta di un programma sostenuto da Fondazione Amgen, Istituzione voluta da Amgen, leader globale nelle biotecnologie farmaceutiche, che promuove e supporta in tutto il mondo attività di educazione e formazione scientifica. Tratto distintivo di Amgen Biotech Experience è l’opportunità di fare scoprire agli studenti delle scuole secondarie l’emozione e i processi della scoperta scientifica, offrendo materiali didattici, attrezzature per la sperimentazione e piani di studio con un approccio innovativo e coinvolgente.

    L’incontro di Spoleto, introdotto da un indirizzo di saluto del sindaco Andrea Sisti e del vicepresidente di Fondazione Amgen, Scott Heimlich insieme a molti ospiti stranieri, permetterà di conoscere meglio la visione, i contenuti, i risultati di questo programma, che in Italia è attivo dal 2017 grazie alla partnership con ANISN – Associazione Nazionale di Insegnanti di Scienze Naturali.

    “ABE è un programma internazionale che coinvolge 24 partner di tre continenti, in Italia si è diffuso progressivamente in 10 regioni Italiane, e ha già coinvolto ad oggi 8.400 studenti, 250 docenti e 150 scuole superiori – afferma Anna Pascucci, Vicepresidente ANISN e direttore del programma in Italia – numeri che testimoniano la validità del programma e la sua azione pervasiva grazie ad una solida partnership scientifica, alla creazione di una comunità di educatori attiva e motivata, soprattutto grazie alla continuità del sostegno della Fondazione Amgen nel suo impegno ad ispirare e formare la prossima generazione di scienziati”.

    Le diverse tavole rotonde previste nel corso dell’incontro testimonieranno la visione del programma e stimoleranno una riflessione sulla contaminazione tra le esperienze più innovative nate dalle sinergie tra educazione e ricerca scientifica attraverso un viaggio senza frontiere di esplorazione e condivisione tra studenti, educatori e scienziati.

    “Essere ospiti di un evento prestigioso come il Festival di Spoleto offre un’opportunità straordinaria di dialogo e arricchimento reciproco tra i mondi della cultura, della creatività e quello dell’innovazione medico scientifica il cui denominatore comune è la sperimentazione continua che apre le porte al futuro – dichiara Soren Giese, Presidente e Amministratore Delegato Amgen Italia. “Ispirare i giovani, aiutando a far emergere i nuovi talenti della ricerca scientifica e biotecnologica è parte integrante dell’impegno di Amgen verso la comunità. Sostenere la crescita di un ecosistema dell’innovazione, in particolare in area biomedica, è essenziale e strategico per i pazienti, la ricerca e l’economia.

    Amgen Biotech Experience mette a disposizione delle scuole che aderiscono al programma un insieme di strumenti e formativi che rendono possibile un’autentica attività di laboratorio, a vantaggio dell’efficacia dell’apprendimento. Da due anni, inoltre, i laboratori ABE sulle biotecnologie sono disponibili anche su Labxchange.org, la piattaforma multimediale per l’educazione scientifica sviluppata dall’Università di Harvard con il supporto della Fondazione Amgen. Lanciata nel 2019, Labxchange ha già raggiunto oltre 20 milioni di utenti in tutto il mondo e l’obiettivo è arrivare a 50 milioni entro il 2025. A questo scopo la Fondazione Amgen ha deciso di confermare il proprio impegno finanziario a favore della piattaforma per i prossimi tre anni, con uno stanziamento ulteriore di 30 milioni di dollari.


    In Italia, l’espansione di Amgen Biotech Experience alla dimensione digitale ha reso possibile raggiungere quasi 50.000 utenti e ampliare la platea delle scuole rendendo questa esperienza accessibile a un numero più elevato di docenti e studenti distribuiti su gran parte del territorio nazionale.

    Il programma che viene presentato a Spoleto è espressione di un più ampio impegno della Fondazione Amgen nello sviluppo in tutto il mondo della cultura e della formazione scientifica tra i giovani. Tra le altre iniziative spicca, per caratteristiche qualitative e impatto, Amgen Scholars, programma internazionale che offre agli studenti più meritevoli delle facoltà medico-scientifiche di vivere un’esperienza di due mesi all’interno di team di ricerca internazionali, in contesti sperimentali di altissimo livello delle più prestigiose istituzioni universitarie del mondo: tra queste Harvard, Stanford e, in Europa, Cambridge, l’ETH di Zurigo, il Pasteur di Parigi, il Karolinska di Stoccolma e la Ludwig-Maximilians-Universität di Monaco.

    Ad Amgen Scholars hanno potuto accedere fino ad ora circa 4.000 studenti universitari di tutto il mondo e l’Italia è tra i primi cinque paesi in Europa per numero di candidature al programma: oltre 100 nelle ultime due edizioni, con 30 giovani talenti del nostro paese che hanno potuto fin qui prendere parte al progetto. A breve sarà noto il numero e il profilo degli studenti italiani che parteciperanno quest’anno al programma, alla sua ripresa dopo la sospensione legata all’emergenza COVID.

    Fondazione Amgen
    La Fondazione Amgen promuove l’eccellenza nell’educazione scientifica per ispirare la prossima generazione di innovatori e investire nel rafforzamento delle comunità in cui vivono e lavorano i membri dello staff di Amgen. Ad oggi, la Fondazione ha donato oltre 300 milioni di dollari a organizzazioni non profit locali, regionali e internazionali e influenzano la società in modo stimolante e innovativo. Per ulteriori informazioni, visita il sito www.AmgenInspires.com e seguici su Twitter all’indirizzo @AmgenFoundation.


    Amgen
    L’impegno di Amgen è teso a esplorare le potenzialità della biologia per rispondere ai bisogni dei pazienti affetti da gravi patologie, realizzando terapie innovative frutto della propria attività di ricerca, sviluppo e produzione. Si tratta di un approccio che si basa sugli sviluppi più avanzati della ricerca genetica per affrontare la complessità delle malattie e comprendere gli aspetti fondamentali della biologia umana.

    Amgen concentra le sue attività sulle aree che presentano importanti esigenze mediche ancora non soddisfatte e fa leva sulle proprie competenze per sviluppare soluzioni che migliorino la salute e, più in generale, la qualità della vita delle persone lungo l’intero percorso terapeutico. Tra i pionieri delle biotecnologie a partire dal 1980, Amgen è cresciuta fino a diventare uno dei leader mondiali del settore, ha raggiunto milioni di pazienti in tutto il pianeta e sta sviluppando una pipeline di farmaci dalle potenzialità altamente innovative.

    Amgen è una delle 30 aziende inserite nel Dow Jones Industrial Average e fa anche parte dell’indice Nasdaq-100. Nel 2021, è stata selezionata tra i 25 World Best Workplaces da Fortune e dal Great Place to Work, e da Barron’s tra le 100 aziende più sostenibili del mondo.

    Per ulteriori informazioni, visita:
    www.amgen.it;
    https://www.linkedin.com/company/amgen-italia/; https://www.instagram.com/amgen.italia/.
    https://www.amgenbiotechexperience.com/
    https://amgenbiotechexperience.net/it/ital
    https://www.labxchange.org/

    Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali (ANISN)
    L’Associazione si fonda su un volontariato “forte e motivato” di docenti, scienziati,cultori della materia, per sostenere processi innovativi al fine di migliorare la professionalità docente e la qualità dell’istruzione scientifica in Italia, ben consapevoli del ruolo di volano che i docenti e l’insegnamento delle Scienze rivestono per la formazione e la cultura scientifica degli studenti futuri cittadini.
    L’ANISN fondata nel 1979 è Associazione non profit con personalità giuridica iscritta nel registro degli Enti del Terzo Settore (ETS), qualificata dal MIUR per la formazione degli insegnanti e accreditato quale soggetto esterno all’Amministrazione scolastica nel promuovere iniziative per la valorizzazione delle eccellenze riguardanti gli studenti delle scuole di istruzione secondaria superiore. È organizzata in 26 sezioni presenti in tutte le regioni Italiane. Si avvale di solidi e diffusi partenariati locali, nazionali e internazionali. Per maggiori informazioni visita il sito www.anisn.it

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    giotarzan 2022-07-30 18:32:22
    Egregio assessore, la invito a visitare i due seggi siti in Cortaccione e dirmi se ritiene che ci siano gli.....
    giotarzan 2022-07-30 18:29:42
    Egregio assessore, la invito a visitare i due seggi siti in Cortaccione e dirmi se ritiene che ci siano gli.....
    Manuele Fiori 2022-07-07 18:07:34
    Finalmente un volto nuovo e persone serie al comando. Tanti auguri a tutti!
    Aurelio Fabiani 2022-07-07 10:27:07
    Sono d'accordo con Sergio Granelli. Se la Tesei e soci hanno dato il colpo più duro, quasi mortale, non si.....
    Sergio Granelli 2022-07-06 21:35:44
    Pero' dobbiamo essere onesti fino in fondo. Ricordiamoci anche della governatrice Lorenzetti e di tutti quelli che gli hanno consentito.....