«Costruire e non distruggere deve essere il compito della politica»

  • Letto 376
  • Nota stampa di Partito Democratico, Ora Spoleto e Per Spoleto

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente: 

    Un Consiglio comunale che, prima di ieri, si era riunito 50 giorni fa, in cui sono stati trattati molti argomenti importanti per la città e in cui il filo conduttore è stato quello dell’importanza di costruire e di non distruggere tutto quello che è stato fatto in precedenza. Questo – abbiamo sottolineato – crea immobilismo e non dà le risposte alle tante criticità che stanno vivendo i cittadini: dal lavoro, che continua a non crescere, alla gestione del post-terremoto, al nostro ospedale fino alle difficoltà che vivono i commercianti, per citarne solo alcune.

     
    A un anno dal suo insediamento abbiamo chiesto a questa amministrazione un cambio di passo e, se in disaccordo con quello che era stato fatto in precedenza, di proporre e cominciare a realizzare un’alternativa. Che ancora non si vede.

    È stata rimandata in Commissione la pratica relativa al nuovo edificio per il Polo dell’infanzia montessoriano 0 – 6 anni che questa amministrazione vuole realizzare in Via dei Filosofi. Abbiamo ribadito l’importanza della costruzione del Polo ma chiesto lumi all’amministrazione sul perché avessero scelto questa area, dove sarebbe dovuta sorgere invece la nuova sede dei Vigili del Fuoco che, tra l’altro, era stata oggetto di una votazione all’unanimità del Consiglio comunale dello scorso gennaio 2018. Di fronte all’incalzare dell’opposzione il sindaco stesso, senza rispondere a nessuna delle domande, ha proposto di ritirare la pratica e riportarla in commissione per ulteriori approfondimenti. Come sempre, oltre alle modalità, il problema diventano i tempi che si allungano, sia per i nostri bambini, sia per i Vigili del Fuoco.
     
    Tra le pratiche abbiamo invece votato a favore per la costruzione della palestra dell’Istituto alberghiero, finanziata per 1 milione e mezzo di euro dalla Provincia, dalla Croce Rossa e, con una cifra di 200mila euro, dal Comune di Spoleto. Lo abbiamo fatto perché riteniamo possa essere una opportunità per i nostri ragazzi e per la nostra città ma abbiamo chiesto all’Amministrazione di coinvolgere insegnanti, ragazzi e le associazioni sportive cittadine per condividere e partecipare il progetto della futura palestra e per redigere la Convenzione che dovrà essere fatta con la Provincia.
     
    Votata all’unanimità invece la mozione riguardante il presidio ospedaliero spoletino, alla quale la 4 Commissione ha lavorato insieme alle Associazioni, dove si impegna il sindaco ad intervenire presso la Regione Umbria affinché le priorità per il futuro dell’ospedale siano riconosciute, fatte proprie e attuate dall’amministrazione regionale, di qualunque colore politico essa sarà da novembre in poi. Accanto a questa visione prospettica è stata sottolineata la necessità di seguire tutte le emergenze, soprattutto di personale, che si vanno via via ad aggravare, una su tutte la questione della Pediatria.
     
    Stefano Lisci, Carla Erbaioli, Marco Trippetti
    Partito Democratico
     
    Luigina Renzi
    Ora Spoleto
     
    Camilla Laureti
    Laureti Per Spoleto

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Alberto Bussoni 2019-10-22 07:44:46
    Sì, ma non è Piazza del mercato, ma via Arco di Druso!
    Andrea 2019-10-18 13:37:56
    Una persona che quando parla si capisce cosa dice, peccato che non si candidi lei a rappresentare l'Umbria e Spoleto......
    Sonia Comessatii 2019-10-15 22:00:10
    Non mi sembra un atto serio e circostanziato se non fanno il nome dell'assessore competente. Chi è? Lavori pubblici? Scuola?
    Stefano Conti 2019-10-15 17:08:07
    prima la cina con brunini e poi non si è fatto niente, poi dovevano salvare la minerva e anche li.....
    Anna 2019-10-09 23:42:41
    Buonasera volevo informarvi che il cognome Non bellomo ma belluomo riferendomi al articolo sul artista corrado belluomo.