UNESCO. Conoscere i Longobardi attraverso il tatto

  • Letto 2887
  • Inaugurata ad Ancona la mostra che sarà allestita ad aprile alla Rocca Albornoz

    Sarà allestita alla Rocca Albornoz, ad aprile, la mostra tattile “Conoscere con mano i Longobardi”, inaugurata ad Ancona l’8 febbraio scorso, alla presenza delle autorità locali e di tutti i rappresentanti dell’ Associazione Italia Langobardorum. Per Spoleto era presente l’assessore alla cultura Ada Urbani, membro del Cda dell’associazione.

    La mostra espone sette modellini tridimensionali in scala dei monumenti architettonici che rappresentano il sito seriale longobardo e sette modellini relativi alle aree in cui sono situati i monumenti, per permettere l’esplorazione tattile dei loro contesti di provenienza

    “La mostra è una straordinaria occasione – ha detto l’assessore alla Cultura del Comune di Spoleto Ada Urbani – per riunire per la prima volta, tutte insieme, in un unico spazio, le eccellenze architettoniche ed artistiche che fanno parte del sito seriale UNESCO ‘Longobardi in Italia’. Ed un modo per valorizzare e far conoscere, superando ogni barriera, attraverso un percorso multisensoriale, l’arte e la civiltà longobarda, che rappresenta una parte importante della nostra eredita culturale e del nostro ricchissimo patrimonio”.

    All’inaugurazione della Mostra sono intervenuti la presidente dell’Associazione Italia Langobardorum Laura
    Castelletti, Vicesindaco del Comune di Brescia; la dott.ssa Angela Maria Ferroni in rappresentanza del Segretariato Generale del MiBACT; il presidente del Museo Tattile Statale Omero Aldo Grassini; i rappresentanti amministrativi dei Comuni di: Cividale del Friuli, Castelseprio e Gornate Olona, Campello sul Clitunno, Monte Sant’Angelo e Benevento. Per Spoleto era presente l’assessore alla cultura Ada Urbani.

    L’esposizione è parte del progetto omonimo per il quale l’Associazione Italia Langobardorum, struttura di gestione del sito UNESCO “Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”, ha ottenuto dal MiBACT il riconoscimento del suo valore e l’ammissione a finanziamento a valere della L. 77/2006 “Misure di tutela e fruizione a favore dei siti UNESCO” italiani. La mostra, realizzata in collaborazione col Museo Tattile

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2023-01-20 22:16:38
    Un comunicato demenziale, di un campanilismo dell'immagine miope di chi vede uffici là dove noi vediamo servizi per i cittadini......
    Casa Rossa Spoleto 2023-01-08 09:27:58
    La parte che svolge Grifoni non ci piace. Un comunicato vuoto di obiettivi, con qualche "anatema", volto a sottrarre alla.....
    giotarzan 2022-12-24 15:05:16
    questo "signore" è 10 volte o forse più che viene denunciato, furti, aggressioni, foglio di via obbligatorio e chi più.....
    Massimo 2022-12-23 12:45:07
    In verità le promesse le hanno fatte a colaiacovo no ai lavoratori vergogna, come la protasi si vanta di essere.....
    Michele Zicavo 2022-11-30 10:07:50
    Ringrazio tutta la Redazione per l'attenzione e la sensibilità dimostrata nei confronti di questi meravigliosi ragazzi e del progetto "Calcio.....