“Invecchjanno impazzenno”, al Caio Melisso la commedia dialettale di Gianfrancesco Marignoli

  • Letto 268
  • Domenica 15 gennaio alle 21

    Capita, ogni tanto, di sentire di qualche famiglia che, ritrovatasi con qualche “vecchietto” di troppo in casa, decida di “liberarsene”, scaricandolo in un posto o in un altro. Ma siamo sicuri sia una buona idea e non una pericolosa offesa pronta a ritorcerglisi contro alla prima occasione?


    Già oltre otto lustri fa Gianfrancesco Marignoli aveva colto i primi segni di quella che stava diventando una spiacevole “abitudine” che, oggi, riproponiamo tanto attuale quanto allora. Nella Spoleto del boom economico si intrecciano, in una commedia comica in tre atti, le vicende e gli amori del Colonnello in pensione Franco Bernardi, dell’attendente Peppe Ciavatta e di una semplice e modesta famiglia in cerca di soldi.
    Con un cast intergenerazionale che va dai nove agli oltre ottant’anni, torna a teatro la Compagnia Teatrale La Maschera, pronta come sempre, da quarantasette anni a questa parte, a divertire e a divertirsi insieme con uno spettacolo irriverente dal carattere velatamente sociale.

    La Compagnia Teatrale “La Maschera” di Spoleto, affiliata alla Federazione Italiana Teatro Amatori è composta da attori dilettanti: pensionati, operai, impiegati, studenti. La sua istituzione risale circa agli anni ’50 e durante questo lungo periodo ha rappresentato le più svariate commedie operette, sia in lingua italiana che in dialetto spoletino. Il gruppo si trasformò in compagnia teatrale in occasione della “II Rassegna Nazionale del Teatro in Vernacolo” organizzata dalla Federazione Italiana Teatro Amatoriale a Spoleto nel 1976. Numerosissimi gli spettacoli effettuati quasi con cadenza mensile dal ’76 ad oggi in Umbria, Marche, Abruzzo, Lazio, Veneto, Calabria, Trentino – Alto Adige, Campania, Friuli Venezia Giulia, Svizzera, Francia, Germania e Lussemburgo. Nel 1997 è stata premiata al “Festival Nazionale FITA” di Viareggio; nel 2005 alla “Rassegna Nazionale Stella d´Oro” di Allerona; nel 2006 ha partecipato al “Festival Nazionale del teatro da Piazza” di Soveria Mannelli (Cz); nel 2007 ha partecipato al “Festival Nazionale del teatro amatoriale” presso il Teatro Cristallo di Bolzano ed ha vinto il 1° premio alla “Rassegna Nazionale del Teatro Dialettale” di Spoleto; nel 2008 ha partecipato alla VII edizione del Festival Nazionale del Teatro Comico “Torre D’Oro” di Vico Equense; nel 2009 al “Piccolo Festival dei 5 Mondi” di Ragogna; nel 2010 ha partecipato al “Festival del teatro amatoriale città di Terni” ed ha vinto il premio per migliore spettacolo presentato; nel 2011 è risultata compagnia finalista alla 6^ edizione del Festival Nazionale di Teatro Amatoriale “Paolo Dego” Premio Città di Ponte nelle Alpi; nel 2015 alla 5° Rassegna di teatro amatoriale organizzata dal DLF di Foligno, ha vinto il premio della giuria come miglior spettacolo, il premio come miglior regia e il premio del pubblico con ‘Medeo; nel 2016 è stata premiata alla III° Rassegna di teatro amatoriale di Poggio Moiano (Ri) con lo spettacolo ‘Medeo.

    La sua caratteristica principale è quella di unire a tradizioni salde e ben radicate nella città, una visione aperta e solidale del proprio ruolo nel territorio, offrendo spazio e sostegno a chi voglia seriamente avvicinarsi al meraviglioso mondo del teatro.


    I lavori maggiormente rappresentati da questo gruppo sono le commedie di Gianfrancesco Marignoli ed in particolare: “La Casa”, “Cameretta a tre letti”, “Felicino”, “Don Gesuardo”, “Tocca Ringrazià Zio” (spettacolo più volte premiato a numerosi festival nazionali), “Invecchianno Impazzenno”, “Piccole Storie Nostre”, “Un Terno a Montarone”, “Medeo”, “Arduino lu Barbiere”, “Nozze co li Funghi”, “Ginetto lu Pompiere”, “Franco lu Macellaro”, “Gatta Mociona”, “Lo Peggjo non Finisce Mai”, “Lu Lozzu”, “Lu soldato spaccone” da Miles Gloriosus di Plauto, O Nobbili o Zitelle, Sor Torquato Scojonatu da Sior Todero Brontolon di Goldoni “Lu Forestiero”; sono state più volte rappresentate anche “L’Avaro” di Moliere, “Casina” di Plauto “Berretto a Sonagli” di Pirandello, “Lohengrin” , “Da giovedì a giovedì” di De Benedetti, “I casi sono due” di Curcio,”Pesce per quattro” di W. Kohlhaase, “Il treno ha fischiato” di A. De Santis.​

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2023-01-28 11:29:13
    De Luca ok! Ma a Spoleto fanno un altro mestiere .STAVOLTA VE LO DICIAMO DIRETTAMENTE. Solo i fatti dicono chi.....
    Aurelio Fabiani 2023-01-20 22:16:38
    Un comunicato demenziale, di un campanilismo dell'immagine miope di chi vede uffici là dove noi vediamo servizi per i cittadini......
    Casa Rossa Spoleto 2023-01-08 09:27:58
    La parte che svolge Grifoni non ci piace. Un comunicato vuoto di obiettivi, con qualche "anatema", volto a sottrarre alla.....
    giotarzan 2022-12-24 15:05:16
    questo "signore" è 10 volte o forse più che viene denunciato, furti, aggressioni, foglio di via obbligatorio e chi più.....
    Massimo 2022-12-23 12:45:07
    In verità le promesse le hanno fatte a colaiacovo no ai lavoratori vergogna, come la protasi si vanta di essere.....