Il Teatro Lirico Sperimentale ricorda Giancarlo Tulipani

  • Letto 897
  • Le parole del Direttore generale, Claudio Lepore 

    Il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli” ricorda con affetto e stima Giancarlo Tulipani, già Sindaco di Spoleto ma anche e soprattutto Consigliere del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli”. Persona colta che ha creduto molto al Teatro Lirico Sperimentale sostenendolo sempre in tutti i consessi istituzionali ma anche promuovendo lo Sperimentale con atti concreti quali le sovvenzioni organiche nel tempo, che ancora oggi vengono erogate dall’Amministrazione comunale. Partecipò con convinzione alla crescita dell’Istituzione offrendo nel 1993 la piena disponibilità del complesso di Villa Redenta per i corsi di alto perfezionamento del Teatro Lirico Sperimentale, comprendendo che, così come accadeva e accade ancora a Villa la Torraccia (https://it.wikipedia.org/wiki/Villa_La_Torraccia) con la Scuola di Alto perfezionamento musicale di Fiesole, solo uno spazio adeguato ed esclusivamente dedicato a questo tipo di attività, avrebbe favorito seriamente lo studio e la concentrazione degli artisti. Auspichiamo che quanto ha desiderato Tulipani si rinnovi, dopo alcuni tentativi non particolarmente felici di progetti avventurosi e multipresenza di attività. Per Tulipani Villa Redenta era un palco pubblico con spazi dedicati esclusivamente alla musica.

    Il complesso non era stato ancora ristrutturato, cosa che avvenne successivamente in occasione del Giubileo dell’anno 2000, ma il Sindaco e Consigliere del Teatro Giancarlo Tulipani volle ristrutturare con dei primi lavori di manutenzione sia la piccola cappella che la Coffee house nonché la grande sala, cosiddetta “da pranzo”, contigua al complesso principale della Villa. Il Comune di Spoleto, guidato da Tulipani e in collaborazione con lo Sperimentale, fece degli interventi sia alla Sala Monterosso che nella foresteria tanto che, già nei primi anni ’90 oltre al corso per cantanti si svolse il primo Corso di formazione professionale per tecnici accordatori di strumenti a tastiera e gli stessi allievi potevano soggiornare presso la foresteria con il primo rifacimento dell’impianto elettrico.

    In quegli anni la proprietà e la gestione erano del Comune di Spoleto e il Sindaco Tulipani concesse Villa Redenta, in modo da trasferire i Corsi di alta formazione dei cantanti dagli spazi, sempre più esegui, dell’Opera di Roma a Spoleto.

    L’impegno di Tulipani a favore dello Sperimentale non si limitò soltanto a questo, ma anche ad essere presente fattivamente con la sua autorevolezza nella vita istituzionale del Teatro. Da persona colta (che aveva studiato musica), non mancava mai né alle rappresentazioni né tantomeno ad accogliere i giovani cantanti lirici e gli importanti docenti che ancora oggi frequentano Spoleto.

    Grazie a lui, ma anche alla volontà di Regione e Provincia, lo Sperimentale si trasferì completamente a Spoleto facendo vivere tutto l’anno l’Istituzione nella nostra città e nella nostra Regione. La volontà del Sindaco Tulipani fu poi confermata nella cerimonia pubblica avvenuta nell’anno 2000 grazie alla Provincia di Perugia e in particolare all’Assessore Pierluigi Neri che, nella manifestazione pubblica avvenuta nell’autunno dell’anno 2000, presentò e sottoscrisse l’atto politico di assegnazione degli spazi di Villa Redenta al Teatro Lirico Sperimentale. Fatto che commosse l’Avv. Carlo Belli ma che poi purtroppo, per interessi e scelte successive, varie e diverse, non si è realizzato. Auspichiamo che con questo ricordo del Sindaco Tulipano le autorità riflettano e cerchino di riallinearsi a quella idea che era di avanguardia per Spoleto, ma non per altre realtà similari in Italia.

    La lungimiranza del Sindaco Tulipani è confermata da quanto lo Sperimentale si è poi sviluppato e radicato nella città.

    La Presidenza, i membri del Consiglio Direttivo, il Direttore Claudio Lepore e la Direzione Artistica – in particolare Michelangelo Zurletti che insieme a Lepore ha direttamente collaborato con Giancarlo Tulipani -, si stringono al dolore della figlia Lisa e a tutti i suoi cari ricordando nel contempo anche la moglie e mamma Maria Teresa, purtroppo scomparsa da tempo ma non certo dimenticata, che fu anche lei vicina con entusiasmo all’Istituzione.

    Claudio Lepore

    Direttore generale

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo neri 2024-07-06 09:48:20
    La trave nel....l'occhio altrui è sempre una pagliuzza.
    Aurelio Fabiani 2024-07-04 18:04:00
    Chiunque incontri la Tesei e non rivendichi la riapertura immediata di tutti i reparti del San Matteo chiusi nel 2020,.....
    Carlo neri 2024-06-30 17:36:48
    Bocci senza lo sponsor Comune di Spoleto/PD farebbe la fame.
    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....