Associazione Spoleto Festival Friends. Ieri la conferenza stampa a Palazzo Madama

  • Letto 551
  • Affidata all’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia l’apertura e chiusura della 66ª edizione. I direttori d’orchestra saranno Jakub Hrůša e Antonio Pappano. Il manifesto sarà realizzato dall’artista Enzo Cucchi

    La presidente Ada Urbani:”Lavoriamo per far conoscere l’atmosfera del Festival in tutto il mondo”

    Spoleto Festival Friends è un’associazione che lavora ormai in tutto il mondo. Abbiamo una sede a New York, a breve andremo in Colombia e in programma ci sono iniziative a Torino, Napoli e nuovamente a Roma”.

    Così ieri, nella Sala Caduti di Nassirya a Palazzo Madama, la presidente dell’Associazione Ada Urbani in occasione della conferenza stampa organizzata al Senato della Repubblica. Un appuntamento a cui hanno partecipato il sindaco di Spoleto e presidente della Fondazione Festival dei Due Mondi Andrea Sisti, la direttrice artistica Monique Veaute, il presidente dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia Michele Dall’Ongaro e il Marchese Duccio Marignoli, presidente della The Marignoli di Montecorona Foundation.

    Un incontro per fare il punto sul lavoro svolto in questi primi mesi di attività dell’Associazione, durante il quale sono state comunicate alcune primissime anticipazioni della 66ª edizione del Festival dei Due Mondi, in programma dal 23 giugno al 9 luglio 2

    Il nostro obiettivo – ha aggiunto Ada Urbani – è far vivere l’atmosfera che si respira a Spoleto durante il Festival, non solo la suggestione e la bellezza del singolo spettacolo. Il lavoro della direttrice Veaute e della Fondazione va in questa direzione e noi siamo orgogliosi di essere al loro fianco in questo percorso”.

    Non posso ancora anticipare molto, perché annunceremo il programma della prossima edizione con una conferenza stampa dedicata – ha spiegato Monique Veaute – Comunque affideremo l’apertura e la chiusura del Festival all’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, con due direzioni di altissimo livello. Il 23 giugno avremo il giovane direttore della Repubblica Ceca Jakub Hrůša, mentre il concerto finale del 9 luglio sarà affidato al Maestro Antonio Pappano. Altra piccola anticipazione riguarda l’opera lirica, che abbiamo previsto nel primo weekend. Per il momento non posso dirvi di più”.

    Nel corso della conferenza stampa è intervento anche il sindaco e presidente della Fondazione Festival dei Due Mondi Andrea Sisti:”Il Festival e Spoleto hanno sempre bisogno di amici e Ada Urbani in questo è una miniera inesauribile di iniziative, segno del suo amore per la Città. Spoleto è una realtà straordinaria, perché fuori dal comune è la sua bellezza e la ricchezza di monumenti, chiese, palazzi e teatri. Una realtà che si apre, da sessantacinque anni, con orgoglio, al Festival e anche una realtà che vive il suo fermento culturale durante tutto l’anno. Con la direttrice Veaute lavoriamo affinché il Festival tenga insieme il racconto di questi due volti di Spoleto”.

    Il manifesto della 66ª edizione sarà realizzato dall’artista, pittore e scultore italiano Enzo Cucchi.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2023-01-28 11:29:13
    De Luca ok! Ma a Spoleto fanno un altro mestiere .STAVOLTA VE LO DICIAMO DIRETTAMENTE. Solo i fatti dicono chi.....
    Aurelio Fabiani 2023-01-20 22:16:38
    Un comunicato demenziale, di un campanilismo dell'immagine miope di chi vede uffici là dove noi vediamo servizi per i cittadini......
    Casa Rossa Spoleto 2023-01-08 09:27:58
    La parte che svolge Grifoni non ci piace. Un comunicato vuoto di obiettivi, con qualche "anatema", volto a sottrarre alla.....
    giotarzan 2022-12-24 15:05:16
    questo "signore" è 10 volte o forse più che viene denunciato, furti, aggressioni, foglio di via obbligatorio e chi più.....
    Massimo 2022-12-23 12:45:07
    In verità le promesse le hanno fatte a colaiacovo no ai lavoratori vergogna, come la protasi si vanta di essere.....