Festività natalizie: riapre il percorso espositivo Sulle tracce di Gian Carlo Menotti

  • Letto 365
  • Dall’8 dicembre sarà possibile visitare gratuitamente la mostra in via Saffi
    e il centro di documentazione a Casa Menotti.
    Grande attesa giovedì 29 dicembre per il concerto di Neri Marcorè

    Continuano le iniziative del Festival dei Due Mondi per la città e per i turisti in occasione delle festività natalizie con la riapertura, dall’8 dicembre all’8 gennaio, del percorso espositivo Sulle tracce di Gian Carlo Menotti, che include la mostra Gli anni Menotti 1958-1998 al palazzo ex Monte di Pietà di via Saffi e il Centro di documentazione di Casa Menotti. L’ingresso è libero, maggiori informazioni su giorni e orari di apertura sono disponibili su www.festivaldispoleto.com. La riapertura del percorso espositivo durante l’inverno permette a pubblico, turisti e visitatori della città di conoscere e apprezzare l’immenso patrimonio di costumi di scena, fotografie, documenti e filmati che la Fondazione Festival dei Due Mondi si è impegnata a recuperare e valorizzare negli ultimi due anni.
     
    Durante il periodo natalizio saranno istallati nei percorsi della mobilità alternativa nuovi pannelli con i ritratti fotografici degli artisti ospiti dell’ultima edizione del Festival, da Barbara Hannigan a Yoann Bourgeois, che andranno ad aggiungersi alle testimonianze storiche che accompagnano i passeggeri durante il percorso.  
     
    Giovedì 29 dicembre, alle ore 20:30 al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti, è in programma il consueto appuntamento del Festival dei Due Mondi in occasione delle feste: Neri Marcorè, voce e chitarra, è protagonista dello spettacolo Le mie canzoni altrui, insieme a Domenico Mariorenzi alla chitarra acustica, al bouzouki e al pianoforte, Fabrizio Guarino alla chitarra elettrica, Alessandro Patti al basso e contrabbasso e Simone Talone alla batteria.


     
    Oltre alla mostra, gli spazi di via Saffi ospitano il Box Office ufficiale del Festival, dove è possibile acquistare i biglietti del concerto, e il punto vendita del Merchandising ufficiale.
    La mostra Gli anni Menotti 1958-1998, rinnovata per l’occasione, permette di osservare l’universo personale del fondatore del Festival, i suoi amici, i suoi artisti, le sue intuizioni. Foto inedite, filmati e bozzetti raccontano l’atmosfera del Festival di quegli anni. Grazie alla collaborazione con l’Istituto Luce, inoltre, l’esposizione prevede 40 fotografie che raccontano la mondanità e l’internazionalità degli “anni Menotti”. Il Centro di documentazione del Festival di Casa Menotti, nato dalla Fondazione Monini e in collaborazione con la Fondazione Festival dei Due Mondi e il Comune di Spoleto. Grazie a un allestimento multimediale e interattivo che permette, fra l’altro, di visionare scenografie teatrali rivisitate in chiave high tech, programmi, cataloghi, filmati storici e proiezioni di opere e spettacoli, sarà come fare un vero e proprio salto nel passato alla scoperta di quella manifestazione chiamata Festival dei Due Mondi che Gian Carlo Menotti ha ideato, fondato e reso famosa nel mondo.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2023-01-28 11:29:13
    De Luca ok! Ma a Spoleto fanno un altro mestiere .STAVOLTA VE LO DICIAMO DIRETTAMENTE. Solo i fatti dicono chi.....
    Aurelio Fabiani 2023-01-20 22:16:38
    Un comunicato demenziale, di un campanilismo dell'immagine miope di chi vede uffici là dove noi vediamo servizi per i cittadini......
    Casa Rossa Spoleto 2023-01-08 09:27:58
    La parte che svolge Grifoni non ci piace. Un comunicato vuoto di obiettivi, con qualche "anatema", volto a sottrarre alla.....
    giotarzan 2022-12-24 15:05:16
    questo "signore" è 10 volte o forse più che viene denunciato, furti, aggressioni, foglio di via obbligatorio e chi più.....
    Massimo 2022-12-23 12:45:07
    In verità le promesse le hanno fatte a colaiacovo no ai lavoratori vergogna, come la protasi si vanta di essere.....