“Scuole dell’altro mondo”

  • Letto 387
  • La nota stampa dei consiglieri Dottarelli e Profili

     
    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:
     
    La penosa saga delle mirabili gesta dell’amministrazione Sisti nella tormentata e sofferta gestione della scuola Sordini non ha fine.
     
    È imbarazzante anche doverne parlare, ma purtroppo è necessario, perché quello che sta accadendo, non solo è grave, ma va oltre ogni umana comprensione.
     
    Con una comunicazione del 13 dicembre c.a. indirizzata alla Curia arcivescovile, il Comune di Spoleto annuncia l’avvio dei lavori di adeguamento dell’Oratorio di San Venanzo “al fine di ospitare gli alunni della scuola primaria Sordini che dovranno entrare nelle aule a partire dall’8 gennaio 2024 e presumibilmente fino alla conclusione dell’anno scolastico in corso”.
     
    Soltanto cinque giorni dopo, arriva la notizia ufficiale del trasferimento delle classi della Sordini presso la Manzoni e la scuola elementare di Villa Redenta.
     
     
    Nel frattempo, però, all’Oratorio di San Venanzo sono iniziati i lavori di adeguamento: una ditta, come da incarico ricevuto dal Comune, ha messo mano all’impianto elettrico e provveduto ad abbattere alcune pareti per ingrandire le aule che avrebbero dovuto ospitare quelle stesse classi che intanto erano già state dirottate altrove. Come sarebbe a dire? Iniziano i lavori all’Oratorio, ma poi i ragazzi li mandano da un’altra parte?
     
    Sono decisioni che hanno davvero dell’incredibile e che solamente la Giunta Sisti è in grado di prendere.
     
    Poi, come se niente fosse, dopo che hanno optato per la soluzione Manzoni-Villa Redenta, i lavori a San Venanzo sono stati sospesi e tutto è stato lasciato così com’è.
     
    Quindi, prima demoliscono, smantellano e devastano un edificio nuovo, finito di costruire appena qualche anno fa, poi interrompono perché hanno deciso diversamente?
     
    Solo la Giunta Sisti riesce a combinare un disastro del genere.
     
    E adesso, chi pagherà? Chi metterà mano al portafoglio per coprire questo sperpero? Perché a noi sembra ovvio e logico che il Comune, o sborserà comunque il canone di locazione pattuito con la Curia, per rimanere vuoto, oppure dovrà ripristinare gli ambienti dell’Oratorio, riportandoli allo stato precedente l’inizio dei lavori, come scritto nella comunicazione inviata alla parrocchia.
     
    La Giunta Sisti regala ai cittadini l’ennesima amara sorpresa, confermando di non avere fatto assolutamente nulla in dieci mesi, di non essere in grado di mantenere ferma una decisione per più di cinque minuti e di agire a tentoni, a casaccio e solo all’ultimo secondo, magari dopo essere stata messa alle strette.
     
    La vicenda scuole rappresenta l’esempio eclatante della totale incapacità di gestione e di programmazione del Sindaco Sisti e della sua Giunta, parole di cui, però, amano riempirsi la bocca, senza peraltro conoscerne il significato.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....