Restaurata la riproduzione della Lex spoletina nel Bosco sacro di Monteluco

  • Letto 932
  • L’intervento a cura dell’Associazione Amici di Spoleto onlus

    Candia Marcucci: “Privati cittadini e istituzioni pubbliche ci avevano chiesto di intervenire, soprattutto il Comune di Spoleto che sul restauro e la valorizzazione del Monteluco ha incentrato il progetto per Spoleto capitale della cultura”

     

    Restaurata a cura dell’Associazione Amici di Spoleto onlus in accordo con il Comune di Spoleto e grazie alla competenza del restauratore Paolo Virilli, la riproduzione della Lex Spoletina che si trova nel Bosco Sacro di Monteluco a Spoleto.

    La fine dei lavori è stata celebrata nei giorni scorsi alla presenza della presidente Candia Marcucci e dei rappresentanti di chi ha contribuito all’intervento con un sostegno economico, la Fondazione “Francesca, Valentina e Luigi Antonini” e la Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto con il presidente Dario Pompili.

    L’Associazione Amici di Spoleto – spiega la presidente Marcucci – ha ritenuto necessario promuovere questo intervento sulla riproduzione della Lex Spoletina che riporta norme a salvaguardia dei boschi e che per secoli ha significato e significa, per gli spoletini, riposo, pace e bellezza della natura. Gli agenti atmosferici e il tempo avevano eroso, rendendola quasi completamente illeggibile, la scritta sul cippo, considerata da più autorevoli parti, una delle prime norme ambientali prodotte dall’uomo. Privati cittadini e istituzioni pubbliche ci hanno chiesto da tempo di intervenire, soprattutto il Comune di Spoleto che sul restauro e la valorizzazione del Monteluco ha incentrato il progetto per Spoleto capitale della cultura”.

    La riproduzione della Lex Spoletina nel Bosco Sacro di Monteluco è la copia del cippo di pietra conservato presso il Museo archeologico, risalente al II secolo a. C., su cui è inciso il testo di una legge di protezione per i boschi sacri.

    Da anni l’Associazione Amici di Spoleto onlus ha fatto di una sua riproduzione in scala anche un riconoscimento a persone fisiche o giuridiche che abbiano contribuito alla concreta difesa del patrimonio storico, culturale e ambientale, alla conoscenza della Città ed allo sviluppo della sua economia.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....