Presidio SPI CGIL per difendere il San Matteo degli Infermi e la sanità pubblica

  • Letto 605
  • “La difesa del presidio ospedaliero di Spoleto e delle sue funzioni rientra nella piu’ generale e decisiva battaglia per la difesa della sanità pubblica contro ogni tentativo esplicito o nascosto di privatizzazione”

    Oggi pomeriggio – scrive in una nota Ladislao Cerasini Segretario generale Lega SPI CGIL Spoleto – una folta delegazione dello SPI CGIL di Spoleto, ha svolto un presidio di fronte all’ingresso del San Matteo degli Infermi di Spoleto. Si è inteso protestare contro la forte riduzione dei servizi sanitari ,conseguenza della scelta della Regione di concentrare l’attività del’ospedale di Spoleto sugli interventi COVID.

    Secondo lo SPI CGIL ,il necessario intervento a tutela di chi viene purtroppo colpito in maniera acuta dal COVID, deve prevedere anche la tutela di chi ha altre emergenze sanitarie(cardiache , tumorali o di altro tipo). Questa tutela viene fortemente meno in un territorio come quello del bacino Spoleto-Valnerina ,che riguarda oltre 60 mila abitanti.I piu’ colpiti da questa situazione rischiano di essere proprio i piu’ anziani, che rappresentano il 26% della popolazione del bacino. Senza tener conto poi che la cittadinanza della Valnerina già stremata dal sisma, vede spostarsi il punto di riferimento di intervento sanitario da Spoleto a Foligno o Terni, cioè ad oltre 70 km da quei territori. Consideriamo tutto cio’ inaccettabile, come hanno sottolineato nel corso del presidio Ladislao Cerasini, segretario della Lega SPI CGIL di Spoleto e Mario Bravi, segretario provinciale dello SPI CGIL di Perugia. Nell’esprimere piena solidarietà ai lavoratori della sanità ,impegnati in un lavoro al tempo stesso delicato e difficile ,gli intervenuti hanno auspicato il rafforzarsi di una mobilitazione unitaria, che faccia cambiare gli orientamenti e le scelte sbagliate della Giunta Regionale dell’Umbria. La difesa del presidio ospedaliero di Spoleto e delle sue funzioni – conclude il comunicato stampa- rientra nella piu’ generale e decisiva battaglia per la difesa della sanità pubblica contro ogni tentativo esplicito o nascosto di privatizzazione!

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....