Zecche a palazzo Leonetti Luparini, Cgil: “Situazione inaccettabile. Bisogna trovare una soluzione definitiva per la salute delle persone”

  • Letto 1946
  • Testata_Due_Mondi_newsRiceviamo e pubblichiamo:

    È inaccettabile che per la terza volta in tre anni i locali di palazzo Leonetti-Luparini siano oggetto di problemi igienico-sanitari a causa delle zecche di piccione, che rendono tutt’altro che salubri i luoghi. Per questo, la Cgil e lo Spi tornano a chiedere nuovamente all’amministrazione comunale di fare un passo indietro sulla sede dello Sportello del cittadino, trasferito da qualche mese da via dei Filosofi a palazzo Leonetti-Luparini. Nello storico palazzo, che dal 2014 ospita nove appartamenti Ater a canone concordato e in cui abitano una decina di giovani coppie, già nel 2015 e nel 2016 era stata compiuta la bonifica di tutti gli spazi per debellare le zecche. Tutto ciò, per la Cgil, era forse prevedibile, visto che gli alloggi sono stati ricavati nel palazzo per anni abbandonato e abitato soltanto dai colombi, in una situazione di totale incuria e degrado. Non solo.

    [wp_bannerize group=”Articoli-600×150″ random=”2″ limit=”1″]

    Ai disagi degli inquilini che hanno dovuto abbandonare temporaneamente gli appartamenti per permettere ai disinfestatori, in questi giorni, di procedere nuovamente ai trattamenti, si sommano anche quelli della cittadinanza che si è trovata impossibilitata ad accedere alla sede dello Sportello del cittadino, attualmente al piano terra del palazzo, rimasta chiusa nella giornata di martedì e mercoledì mattina, come da ordinanza del Comune. La Cgil e lo Spi si erano sin da subito dichiarati contrari allo spostamento di questo servizio per gli innumerevoli disagi che avrebbero procurato ad anziani, disabili, donne in stato interessante, lavoratori e, più in generale, a tutti gli utenti. Era evidente, inoltre, che la rivitalizzazione del centro storico non poteva passare attraverso una tale decisione, come anche il risparmio. Oggi, con quanto accaduto, sembra ancor più chiaro che lo Sportello del cittadino non doveva essere spostato. È opportuno, pertanto, che venga trovata quanto prima una soluzione definitiva sia per gli inquilini che per gli utenti, mettendo al primo posto la salute delle persone. Per questo, la Cgil torna a chiedere all’amministrazione comunale di riconsiderare la decisione presa sulla sede dello Sportello del cittadino.

    Massimo Venturini – Responsabile Camera del Lavoro Spoleto

    Ladislao Cerasini – Segretario Sindacato Pensionati Italiani Cgil Spoleto

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2024-02-07 08:55:12
    Il PD il nulla, sicuramente troppo, troppo poco,tardi e male e con strani mal di pancia. La Destra il tutto,.....
    Aurelio Fabiani 2024-02-02 20:14:13
    LA TESEI DI NASCOSTO VIENE ALL' OSPEDALE PER NON FARSI MALE. All' oscuro di tutti una volta arrivavano i ladri......
    Aurelio Fabiani 2024-02-01 12:32:14
    BASTA CON QUESTO RIMPALLO DI RESPONSABILITÀ. LA LOTTA DEVE ESSERE PER GARANTIRE A OGNI TERRITORIO E A OGNI OSPEDALE DELLA.....
    AURELIO fABIANI 2024-01-19 18:15:42
    ABBIATE LA DECENZA DI FARE SILENZIO! Voi Governo del: " MI FACCIO GARANTE CHE TUTTO TORNERA' COME PRIMA, TUTTI I.....
    Aurelio Fabiani 2024-01-10 16:26:17
    Meglio tardi che mai. IERI I COMITATI SI SONO CONFRONTATI COL SINDACO. ADESSO VEDIAMO CHI VIENE A PERUGIA A CANTARLE.....