La CGIL chiede un tavolo di lavoro per un ‘Progetto Spoleto’

  • Letto 194
  • La Camera del Lavoro: «la crisi continua a lacerare il territorio spoletino»

    Circa 100 persone a Villa Redenta a Spoleto, hanno partecipato all’iniziativa organizzata dallo SPI-CGIL e dalla Camera del Lavoro, sui diritti di cittadinanza e sulla difficile situazione economica e sociale del territorio di Spoleto.
    La “crisi” attraversa varie aziende dalla IMS alla Cementir, con tante altre realtà come Maran e Novelli colpite da profondi processi di ristrutturazione.

    C’è una crisi demografica(600 abitanti in meno in 7 anni), occupazionale(-950 occupati in meno in 4 anni) e redditi e pensioni in media dell’8% piu’ bassi della media nazionale.
    In piu’ stanno esplodendo le difficoltà sul versante anche della coesione sociale(1700 sono gli anziani soli), 719 le domande del reddito di cittadinanza che sono la spia di una situazione sempre piu’ lacerante.

    Come se ne esce?Intanto realizzando un analisi spietata come ha detto Mario Bravi(presidente IRES CGIL Regionale ) sua relazione, aprendo un tavolo di confronto per realizzare UN PROGETTO SPOLETO.

    Un tavolo composto dalle istituzioni, dai sindacati, dalle associazioni d’impresa, dalla Regione.
    Un tavolo che realizzi un progetto complessivo per l’adeguamento delle infrastrutture, che rilanci gli investimenti delle aziende presenti nel territorio (olearie e non solo), che hanno andamenti positivi e potrebbero reinvestire parte degli utili, una finalizzazione occupazionale dei Fondi europei 2014-2020 e 2021-2027.

    In questo quadro vanno superati i ritardi nella ricostruzione e Spoleto puo’ essere rilanciata come città dalle enormi ricchezze sul terreno culturale, ambientale e monumentale.

    E’ importante agire da subito!Questo è il messaggio uscito dall’importante iniziativa di Villa Redenta, che fa seguito alla manifestazione sempre a Spoleto con Maurizio Landini, sabato 6 aprile e al presidio davanti alla BPS mercoledi’10.

    Il territorio di Spoleto dice NO AL DECLINO IN CORSO!

    Alla iniziativa sono intervenuti Ladislao Cerasini, segretario Lega SPI-CGIL di Spoleto ,Mario Bravi (foto) ,Cristina Papa antropologa dell’Università di Perugia,Umberto De Augustinis sindaco di Spoleto,Andrea Reali sindaco di Castel Ritaldi,Graziano Massoli segr.prov.SPI-CGIL Perugia.Le conclusioni sono state tratte da Filippo Ciavaglia, segr.priv. CGIL Camera del Lavoro Perugia.

    Camera del lavoro Foligno-Spoleto

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Vabo 2019-04-19 22:51:22
    Grande contributo e analisi politica, complimenti! Magari, quando trovate due minuti o qualcosa di rilevante da dichiarare,fate un cenno anche.....
    Cosmo Giacomo Sallustio Salvemini 2019-04-12 15:19:43
    Carissimo Luca, anche a nome del Consiglio Direttivo del Movimento Gaetano Salvemini e dell'Unione Italiana Associazioni Culturali, formulo vivissimi auguri.....
    Cosmo Giacomo Sallustio Salvemini 2019-04-12 12:33:07
    Caro Luca, ho il piacere di informarti che è imminente la pubblicazione del mio libro "Epuloni e Lazzari" (Analisi storica.....
    Guest lecturer "Photography and writing: a dialectic" - Greta Lorimer Photography 2019-04-10 17:18:04
    […] https://www.duemondinews.com/spoleto-una-lezione-di-fotografia-narrativa-con-greta-lorimer/  […]
    R.A. 2019-04-07 21:41:58
    La sinistra invece di infamare il m5s si dia da fare x lavorare insieme alla colacem x nn perdere posti.....