La Biblioteca Carducci celebra la terra di mezzo e l’universo fantasy

  • Letto 447
  • A palazzo Mauri una mostra bibliografica sull’epica del Signore degli Anelli e le sue filiazioni, nel 50° anniversario della morte di Tolkien

    Un’opera-mondo, una delle saghe letterarie più influenti di sempre, uno degli universi creativi che più hanno forgiato l’immaginario collettivo: in occasione dei 50 anni della scomparsa di Tolkien, la biblioteca comunale “G. Carducci” di Spoleto omaggia “Il Signore degli Anelli” e il suo autore con un percorso bibliografico che prende le mosse dalle fonti di ispirazione del professore di Oxford, prosegue con le principali opere della sua produzione narrativa e saggistica e si conclude con un’antologia di scrittori (come C.S. Lewis, Stephen King, Christopher Paolini, George R.R. Martin, Hiro Mashima) che hanno ampliato il canone fantasy concepito da Tolkien sviluppando molteplici filiazioni, sottogeneri e varianti narrative.


    Si tratta di un agile itinerario che parte dalle saghe norrene, dalla letteratura medievale anglosassone e scandinava come serbatoio di miti, linguaggi e figurazioni che hanno contribuito ad alimentare la fantasia epica e la capacità immaginifica di Tolkien e continua con la perlustrazione delle maggiori opere dell’universo tolkeniano.

    La mostra non si limita infatti a presentare al pubblico l’epica del “Signore degli Anelli”, del quale vengono esposte varie edizioni e le due traduzioni italiane di Vicky Alliata di Villafranca e di Ottavio Fatica, ma si allarga a comprendere alcuni saggi, il racconto che ha dato il via alla saga dell’anello ovvero “Lo Hobbit”, “Il Silmarillion” (una sorta di cosmogonia della Terra di Mezzo) e la traduzione in prosa del “Beowolf”.

    Dall’epica di Tolkien discendono una miriade di universi fantasy, così dettagliati e accurati da richiedere apparati linguistici e cartografici di riferimento. Quindi oltre a libri, giochi di ruolo, libri-game, fumetti, manga, novelization, la mostra presenta anche grandi rappresentazioni cartografiche della Terra di Mezzo e della geografia immaginata da alcuni suoi epigoni come George R. R. Martin, autore del ciclo di libri delle “Cronache del Ghiaccio e del Fuoco”, da cui è stata tratta la serie tv del “Trono di Spade.”


    La mostra a palazzo Mauri è aperta al pubblico secondo i seguenti orari: lunedì dalle ore 15.00 alle ore 19.00; martedì dalle ore 9.00 alle ore 19.00; mercoledì dalle ore 9.00 alle ore 13.00; giovedì dalle ore 9.00 alle ore 19.00; venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00; sabato dalle ore 9.00 alle ore 13.00.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....