Vicenda collaboratori del Sindaco, «di nuovo la toppa è peggio del buco!»

  • Letto 1831
  • BANNER-DUE-MONDI-NEWS-SPOLETO

    Spoleto Popolare e Alleanza Civica rispondono all’Amministrazione comunale

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Di nuovo la toppa è peggio del buco!
    La risposta fornita dal Comune di Spoleto alla nostra interrogazione sulle nomine del Dottor Murro e del Dottor Muscato, purtroppo non fornisce i chiarimenti richiesti
    Per giustificarsi, si fanno 2 cose che lasciano davvero sbalorditi.
    La prima è quella di giustificare un decreto di conferimento di incarico sulla base di una NORMA che in quel decreto non è riportata. In questo modo il decreto potrà essere sempre liberamente interpretato a seconda della norma che di volta in volta si intenda sostenere.
    Ma quello che appare anche più grave è il punto dove il Sindaco non è stato in grado di indicare esattamente e concretamente il COMPITO che ha inteso affidare a tali “esperti” e quello che indica è ancor più illegittimo.
    Sostiene infatti il Sindaco che i collaboratori, come recita nella nomina , sono posti direttamente alle sue dipendenze e svolgono attività lavorativa, per sopperire anche alle carenze degli uffici.
    Qui si è proprio cancellata la “ Legge Bassanini” con la quale, già nel 1997 è stata stabilita una netta separazione tra funzioni politiche e funzioni amministrative.

    [wp_bannerize group=”Articoli-600×150″ random=”2″ limit=”1″]

    Alle” dipendenze del Sindaco” possono stare unicamente collaboratori politici o comunque collegati ad attività relative alla sua carica ma non certo collaboratori che svolgono attività propria dell’Ente, in altre parole il Sindaco può solo nominare il suo Staff e questo si fa con gli strumenti previsti dal TUEL, esponendosi inoltre ad una obbligatorietà di retribuzione per tale attività .
    L’articolo 107 del TUEL da noi citato, prevede che le collaborazioni, così come la gestione delle risorse umane, siano di competenza dei dirigenti delle varie aree e non del Sindaco.
    Il riferimento di legge fatto dal Sindaco nella sua risposta alle previsioni dell’art. 7, comma 6 del d.lgs. 165 del 2001, chiarito dalla circolare del Ministro della Funzione Pubblica n.4 del 2015 (punto 5), si applica a tutto il pubblico impiego con le dovute differenze collegate anche all’età degli interessati ed al loro stato di pensionati.
    Quindi il Sindaco parla nella sua risposta di attività amministrative .In realtà I suoi incarichi possono riguardare solo attività di indirizzo e controllo.
    I consulenti devono essere eventualmente nominati con determina dirigenziale.
    Ci sembra quindi che la confusione sulle procedure amministrative applicate dall ‘Amministrazione permanga e risulti ancora più grave.

    Spoleto Popolare

    Alleanza Civica

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....