Un percorso unitario

  • Letto 463
  • L’appello del Gruppo consiliare Insieme per Spoleto 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Il diritto alla salute ed alle cure è un diritto dei cittadini.
    Negli ultimi anni il sistema sanitario regionale è peggiorato sotto tutti i punti di vista e lo specchio di questo peggioramento sono le liste di attesa delle prestazioni. Liste di attesa che obbligano i cittadini ad aspettare mesi anche per visite non specialistiche e costringono i cittadini a lunghi spostamenti per poter effettuare esami lontano dalla propria residenza.
    Questo modello di sanità pubblica non funzionante costringe i cittadini a ricorrere sempre più spesso alla sanità privata.
    Lo smantellamento della sanità pubblica regionale ha un nome ed un cognome: giunta regionale dell’Umbria. Quello che sta succedendo significa negare il diritto alla salute ai cittadini.

    Non si tratta più solo di lottare per difendere l’ospedale di Spoleto ma è ora di iniziare a ragionare ad un modello di sanità diametralmente opposto a questo della destra.
    Non si può accettare una sanità pubblica che procede con i medici a gettone, con personale ospedaliero a contratto, con personale che attende la stabilizzazione.
    Non si può assistere senza reagire allo smantellamento dei servizi sociali, non si può accettare che i “costi” ricadano sempre e solo sulle tasche dei più bisognosi.
    Nel corso di questi mesi ci sono state manifestazioni di partiti, comitati, sindacati per la difesa dell’ospedale di Spoleto; manifestazioni che hanno coinvolto sempre pezzi della città.
    Non ci interessa ribadire che i nostri sforzi, le nostre sollecitazioni, sono stati spesso snobbati dal Sindaco e trattati dalla sua maggioranza come un teatrino. È purtroppo chiaro che si è perso colpevolmente del tempo in attesa di chissà che cosa.
    Facciamo un appello ai cittadini,alle istituzioni e a tutti quelli che hanno a cuore le sorti del nostro ospedale e della sanità pubblica universale a organizzare una manifestazione unitaria, senza bandiere di partito, inclusiva. Una manifestazione nella quale la città intera possa riconoscersi.
    Una manifestazione dove in testa al corteo ci sia solo una bandiera: il gonfalone del Comune di Spoleto.
    Sarebbe bello se si riuscisse a coinvolgere anche i rappresentanti, con i gonfaloni, dei Comuni limitrofi ed in particolare della Valnerina.
    Paolo Piccioni
    Giancarlo Cintioli

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2024-02-07 08:55:12
    Il PD il nulla, sicuramente troppo, troppo poco,tardi e male e con strani mal di pancia. La Destra il tutto,.....
    Aurelio Fabiani 2024-02-02 20:14:13
    LA TESEI DI NASCOSTO VIENE ALL' OSPEDALE PER NON FARSI MALE. All' oscuro di tutti una volta arrivavano i ladri......
    Aurelio Fabiani 2024-02-01 12:32:14
    BASTA CON QUESTO RIMPALLO DI RESPONSABILITÀ. LA LOTTA DEVE ESSERE PER GARANTIRE A OGNI TERRITORIO E A OGNI OSPEDALE DELLA.....
    AURELIO fABIANI 2024-01-19 18:15:42
    ABBIATE LA DECENZA DI FARE SILENZIO! Voi Governo del: " MI FACCIO GARANTE CHE TUTTO TORNERA' COME PRIMA, TUTTI I.....
    Aurelio Fabiani 2024-01-10 16:26:17
    Meglio tardi che mai. IERI I COMITATI SI SONO CONFRONTATI COL SINDACO. ADESSO VEDIAMO CHI VIENE A PERUGIA A CANTARLE.....