Umbria dimenticata: il sentiero delle fate a Castelluccio di Norcia

  • Letto 1677
  • Leggende e miti dei monti Sibillini si intrecciano con la realtà in questi luoghi incantati – galleria fotografica 

    di Alessio Cao 

    (DMN) Norcia- Il monte Vettore e Castelluccio di Norcia sono luoghi ormai famosi in tutta Italia. La bellezza dei panorami e la meraviglia dei colori della fioritura della lenticchia, nella piana di Castelluccio, creano un caleidoscopio di sfumature, un’immersione nelle emozioni che porta sempre più persone a visitare questi luoghi incantati. Dalla cima del monte Vettore con un trekking duro, ma affrontabile anche dai meno allenati, si può godere di una vista unica, dei profumi della montagna e soprattutto del silenzio. Un silenzio assordante, che riempie il cuore, incredibile per chi, come noi, vive ormai immerso nel rumore, nel caos della quotidianità e della frenetica vita cittadina.
    Non è solo la natura ad essere rimasta intatta in questi luoghi, ma anche la tradizione e le leggende che la accompagnano, tramandate di bocca in bocca, di generazione in generazione da tempo immemore.
    Oggi vi raccontiamo quella del “Sentiero delle Fate” e della Sibilla.
    Secondo la leggenda, la Sibilla era una donna, una maga dotata di capacità divinatorie, grande conoscitrice dell’astronomia e della medicina che viveva nell’omonima grotta sui monti Sibillini. La maga, a cui gli antichi usavano rivolgersi per conoscere il proprio futuro, era solita esprimersi in maniera vaga ed interpretabile. In queste sue attività magiche la Sibilla non era sola, si accompagnava con delle fate, donne giovani, bellissime, ma con piedi caprini. Queste creature magiche erano però solite frequentare i villaggi umani, per trasmettere una parte del loro sapere e per incontrare i giovani pastori. Una notte, la Sibilla permise loro di recarsi ad una festa, con l’obbligo però di tornare alla grotta prima dell’alba. Le fate, perse nelle danze e nel divertimento al villaggio si distrassero e non si resero conto del passare del tempo. Appena si accorsero che il sole stava per sorgere iniziarono una folle corsa per tornare alla grotta e con i loro piedi caprini solcarono in profondità la montagna, creando la spaccatura che attraversa il Vettore, ancor oggi perfettamente visibile.
    Ovviamente la zona era popolata prevalentemente da pastori, quindi è facile capire l’origine di storie e misteri legati al mondo della pastorizia.
    Questi luoghi celano comunque molti altri segreti, tra cui i misteri della grotta della Sibilla, forse porta per il purgatorio, la leggenda che aleggia intorno al lago di Pilato, i misteri delle streghe e dei negromanti che frequentarono queste montagne. Vi racconteremo anche queste storie, appena potremmo tornare in questi luoghi incantevoli, in cui l’uomo ritrova inconsapevolmente la sua dimensione, la vicinanza alla natura e la serenità che solo la montagna permette di assaporare. Un viaggio nel tempo e nel verde da annoverare tra i primi da fare appena sarà possibile, anche per sostenere una comunità forte che non ha mai mollato, nemmeno dopo le profonde ferite subite con il terremoto.

     

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2020-10-29 09:13:13
    SENZA VERGOGNA. La Destra si "intorcina" tra facce impresentabili e ipocrisie sconfinate. I due signori rappresentanti dell'estrema Destra umbra che.....
    Paolo 2020-10-25 10:49:21
    Non dimentichiamoci che oltre la casa di reclusione ci sono 2 stabilimenti a rischio e cioè lo Stabilimento Militare dove.....
    Viscos 2020-10-23 19:02:40
    .. RASSICURAZIONI se è vero che hanno messo una tenda... E questo è un affronto alla Città.. Oltre che della.....
    Tiziana Santoni 2020-10-23 00:18:50
    I presenti alla protesta hanno giustamente e calorosamente invitato i complici del furto operato ai danni della città di Spoleto.....
    Aurelio Fabiani 2020-10-22 23:42:02
    Alcuni dei presenti citati dall'articolo saranno venuti a controllare la protesta o a metterci il cappello. I cittadini indignati erano.....