Umbria dimenticata: cunicoli e meraviglie della Spoleto sotterranea

  • Letto 826
  • Tesori edili del passato cittadino visibili presso la Farmacia Marchese – Galleria fotografica 

    di Alessio Cao 

    (DMN) – Spoleto, come molte altre località dell’Umbria, nasconde un tesoro sotterraneo. La città che oggi vediamo è stata edificata sopra una fitta serie di cunicoli, resti di mura, mosaici e costruzioni romane che, strato su strato sono state sepolte, usandole spesso come fondamenta degli edifici realizzati nei secoli successivi.
    Alcuni di questi frammenti di storia emergono quando vengono realizzati lavori di ristrutturazione o edificazione e sono valorizzati in angoli meno conosciuti della città.
    Uno di questi luoghi lo abbiamo trovato ed esplorato su gentile concessione della Farmacia Marchese, in via Brignone, nel centro storico di Spoleto.
    All’interno dell’attività sono ben visibili alcune importanti tracce del passato cittadino ed in particolare troviamo perfettamente conservati un mosaico sulla pavimentazione, composto con tasselli neri e bianchi ed una parte di muro, un opus reticolatum, tecnica edilizia romana, ben valorizzato alle spalle di un antico bancone della farmacia.
    La parte più interessante è nei sotterranei del palazzo, parzialmente visibili da una vetrata sul pavimento. Abbiamo percorso, facendoci strada con una torcia tra l’oscurità e l’aria pesante, circa venti metri del tunnel principale, che si apre al di sotto della farmacia, mostrando le grandi pietre che costituivano la base delle precedenti costruzioni. L’esplorazione si è fermata quando il passaggio si è interrotto, ostruito da terra e detriti, che potrebbero nascondere chissà quali altre meraviglie.
    Luoghi simili sono presenti in tutta la città e stiamo per esplorarne di nuovi tra realtà e leggende, come i famosi tunnel sotto la Rocca mai trovati e che avrebbero consentito la fuga in caso di assedio ai nobili abitanti di un tempo.

     

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    One Comment For "Umbria dimenticata: cunicoli e meraviglie della Spoleto sotterranea"

    1. Andrea
      Gennaio 6, 2021

      Vengo anch’io!!!!!!

      Rispondi

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Andrea 2021-01-06 11:10:41
    Vengo anch'io!!!!!!
    Antoaneta Dzoni 2021-01-05 19:05:23
    Vorrei partecipare
    Luca filipponi 2021-01-05 15:17:41
    Vorrei ringraziare per il suo impegno e sensibilità verso l'arte e la cultura la redazione di duemondinews buon 2021!
    Cesaretti Sergio 2020-12-07 23:28:30
    La maggior parte di quei personaggi; l'ho tutti conosciuti....sono del 1941, natio di Spoleto, in via San Giovanni e Paolo,.....
    Giorgio 2020-12-03 14:59:14
    Una considerazione che vorrei fare: ho letto che l'intervento complessivo praticamente ammonterebbe ad un milione e trecento mila € ok?.....