Spoleto, grande partenza per la II edizione del Free Wor(l)d Festival

  • Letto 470
  • Tanti appuntamenti fino al 18 ottobre

    Nonostante le incertezze causate dall’attuale situazione sanitaria da Covid-19, la seconda edizione del Festival Free Wor(l)d per la Libertà di Espressione ieri si è aperta con grande apprezzamento. “Al di là della necessità di confrontarsi su queste tematiche, che viviamo tutti i giorni, fare un Festival in presenza in un momento particolare come questo è chiaramente un merito” ha introdotto così il giornalista Davide Fabrizi durante la presentazione del libro La lingua disonesta di e con il Prof. Edoardo Lombardi Vallauri nel primo appuntamento aperto al pubblico. Il filo conduttore del Festival che quest’anno è la disinformazione è stato nel libro così ben declinato nell’analisi e nell’interpretazione del linguaggio ai fini della manipolazione e della propaganda, portando alla platea riunitasi presso l’Albornoz Hotel vari esempi proveniente dalla politica e dalla pubblicità.
    A seguire, in una serata dedicata alla musica quale forma alta di libertà di espressione, il Trio formato da Gabriele Francioli ai fiati, Gianni Scarabottini alla fisarmonica e Marco Marino al contrabbasso hanno rasserenato gli animi con ritmi jazz e di bossa nova.

    “Siamo davvero molto contenti e molto onorati di partecipare al Festival Free Wor(l)d – questo il commento della professoressa Maria Cristina Calzibelli ieri mattina in occasione del primo webinar organizzato con le scuole sul tema della disinformazione – fin dalla sua fondazione infatti siamo interessati alle varie iniziative e siamo davvero felici di coinvolgere i nostri ragazzi”. Le scuole sono da sempre protagoniste del Festival e quest’anno, a maggior ragione visto il periodo complesso in cui viviamo, la loro partecipazione è e resta attiva con il Concorso Letterario Scientifico “Bernardino Ragni” e con le ventiquattro classi del polo liceale che, tra biennio e triennio, hanno scelto di aderire alle lezioni online. Quella di ieri in apertura è stata dedicata al linguaggio sessista e discriminatorio in collaborazione con la pedagogista Adelaide Coletti del Centro Anti Violenza di Spoleto e la presidente Silvia Garambois di GIULIA Giornaliste; mentre quella di questa mattina, venerdì 16 ottobre, sarà incentrata sull’uso consapevole dei mass media a cura di Lorella Zanardo e Cesare Cantù che proseguirà in serata con un evento aperto alla cittadinanza.

    Molto attesi restano poi gli appuntamenti del fine settimana: dalle mini conferenze del sabato mattina che declineranno il concetto di vero e di falso, al convegno del pomeriggio sui diritti umani in pratica e alla proiezione del film La verità negata in serata, fino alla conclusione di domenica 18 ottobre con un omaggio alla figura di Andrea Camilleri e del suo impegno sociale ad un anno dalla sua scomparsa, alla premiazione del Concorso Letterario Scientifico “Bernardino Ragni”, fino alla chiusura con Aletheia presso il Teatro Nuovo.

    I soggetti aderenti al Festival quest’anno sono le associazioni culturali e di promozione sociale BeHuman, Cantiere Oberdan, CittadinanzAttiva, Donne contro la Guerra e Centro Anti Violenza “Crisalide”, Il Contrappunto, Libera con il presidio “Angela Fiume”, la Sala Frau e la libreria Ubik. Al momento con la collaborazione della sezione umbra di Amnesty International, con il partenariato di Spoleat, con il sostegno della Fondazione Francesca, Valentina e Luigi Antonini, della Fondazione Loreti Onlus e dello Studio Dentistico della dott.ssa Cristina Santi di Campello sul Clitunno, con la media partnership di About Umbria, Classicult, Terni in Rete e Umbria24, con il patrocinio della Provincia di Perugia, del Comune di Spoleto (il Festival è inserito nel cartellone degli eventi autunnali), dell’IIS Sansi Leonardi Volta, di Articolo21, dell’Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali e di Ossigeno per l’Informazione.

    Si rammenta che tutte le iniziative, ove non specificamente indicato, sono a ingresso gratuito fino a esaurimento posti. Nel rispetto delle disposizioni vigenti anti-Covid nei luoghi chiusi è fatto obbligo di indossare la mascherina mantenendo la distanza di sicurezza. La prenotazione ai singoli eventi è obbligatoria:
    inviando una mail a festivalfreeworld@gmail.com
    per info e prenotazioni sullo spettacolo teatrale, invece, inviare una mail a emanuela.duranti56@gmail.com
    Per contribuire alla raccolta fondi attiva su Buona Causa > https://bit.ly/31OyMUg

    L’obiettivo del Free Wor(l)d e delle associazioni che ne fanno parte è sempre stato quello di rimettere al centro le persone. Crediamo che questo sia particolarmente importante oggi, dopo il periodo di lockdown e questo ha rappresentato certamente una sfida. Il filo conduttore di questa seconda edizione è la disinformazione o la cattiva informazione, aspetti che hanno un’incidenza forte sulle nostre vite anche se spesso non ce ne accorgiamo: è proprio al recupero di questa consapevolezza che noi teniamo.

    (Valentina Tatti Tonni – Responsabile Direttivo Free Wor(l)d)

     

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Viscos 2020-10-23 19:02:40
    .. RASSICURAZIONI se è vero che hanno messo una tenda... E questo è un affronto alla Città.. Oltre che della.....
    Tiziana Santoni 2020-10-23 00:18:50
    I presenti alla protesta hanno giustamente e calorosamente invitato i complici del furto operato ai danni della città di Spoleto.....
    Aurelio Fabiani 2020-10-22 23:42:02
    Alcuni dei presenti citati dall'articolo saranno venuti a controllare la protesta o a metterci il cappello. I cittadini indignati erano.....
    Marco Silvani 2020-10-20 11:19:19
    Infatti le persone dovrebbero pensare prima di parlare sempre che ci riescano.
    Ale 2020-10-13 09:54:25
    Instagram sembra pieno di "Influencers", ma la maggior parte di queste persone non capisce che si tratta di un vero.....