A Spoleto il Concorso “Bernardino Ragni” prosegue nonostante l’emergenza

  • Letto 936
  • Meno di un mese alla scadenza del bando

    Nonostante la chiusura delle scuole dovuta alle disposizioni che il Governo ha assunto per fronteggiare la crisi epidemiologica da Covid-19, la prima edizione del Concorso Letterario Scientifico “Bernardino Ragni” non è stata annullata né sospesa.

    In questi mesi, infatti, seppur nella difficile condizione della didattica a distanza, il Concorso, dedicato alle studentesse e agli studenti frequentanti le terze e quarte classi di tutte le scuole superiori del Comune di Spoleto, è stato divulgato dai professori che, nel mentre, con grande tenacia e passione nell’insegnamento stanno portando avanti le lezioni.

    Il Concorso era stato presentato in conferenza stampa il 20 febbraio scorso nel salone d’onore dell’IIS Sansi Leonardi Volta di Spoleto, promosso dall’Istituto scolastico diretto dal Prof. Mauro Pescetelli e dall’Associazione di Promozione Sociale “Il Contrappunto” presieduta dalla Dott.ssa Valentina Tatti Tonni. “Il concorso ‘Bernardino Ragni’ per noi è significativo perché supera la dicotomia tra cultura umanistica e scientifica” aveva esordito così il Dirigente Pescetelli che, con la sottoscrizione della convenzione tra gli Enti Promotori, aveva potuto inserire il Concorso nel proprio Piano di Miglioramento (PdM) essendo il progetto altamente propositivo per gli Studenti che vorranno cimentarsi nella scrittura degli elaborati che, infine, verranno premiati verso la metà di ottobre all’interno della seconda edizione del Festival Free Wor(l)d per la Libertà di Espressione.

    “Appena emanato il primo decreto, il 4 marzo scorso, abbiamo dato immediata comunicazione della sospensione delle nostre attività. Eppure, siccome le disposizioni dei decreti non apportavano alcuna modifica allo svolgere del Concorso abbiamo ritenuto che fosse più importante portarlo avanti” spiegano gli organizzatori, “il nostro obiettivo è sempre stato quello di far conoscere, attraverso la divulgazione e l’approfondimento, tematiche comprese fra le scienze naturali, ambientali, faunistiche, matematiche e fisiche e, dato anche l’apprezzamento avuto dall’amministrazione comunale in febbraio, non potevamo scoraggiare gli Studenti dalla possibilità di acquisire competenze specifiche spendibili nel lungo periodo, soprattutto in un momento particolare come quello che stiamo vivendo”.

     

     

    Con scadenza fissata per il 20 maggio 2020  tre sono le tracce alle quali gli studenti potranno decidere se partecipare con un saggio breve, con un racconto di narrativa o con narrazioni artistiche come un testo corredato di fotografie o la creazione di un fumetto.

    Per la traccia dedicata alla “Responsabilità civile e ambientale” che prende spunto proprio dallo studio della Wildlife Economy del Prof. Ragni, il Museo di Storia Naturale della Maremma, la cui attività Citizen Science è stata da poco premiata dal Touring Club Italiano, ha offerto una visita gratuita al museo con il direttore Andrea Sforzi come guida d’eccezione; per la traccia sulle “Onde” il Festival della Scienza di Genova al vincitore ha offerto 2 abbonamenti valevoli per tutta la durata del Festival della Scienza – che nel 2020 si svolgerà dal 22 Ottobre all’ 1 Novembre – e 3 prenotazioni gratuite; infine, al vincitore della terza traccia dedicata alla “Green Economy” la sezione umbra dell’Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali si è offerta di dare due biglietti di ingresso per la fiera ECOMONDO di Rimini, pensata proprio per lo sviluppo sostenibile e l’economia circolare, che si terrà nel 2020 dal 3 al 6 novembre.

    Una visione per il futuro che sia qui rappresentata tenendo conto dell’aspetto letterario ed espressivo dell’Italiano scritto ponendo in risalto l’indagine storico-ambientale. “Oltre a quanto già detto” continuano i promotori, “interrompere o rimandare il Concorso, seppure in via eccezionale, proprio dopo averlo lanciato per la prima volta, non ci sembrava corretto per almeno altre due ragioni. La prima, il fatto di aver coinvolto dei partner che credendo al progetto hanno deciso di offrire ai vincitori, per ogni tema, premi di indirizzo culturale e didattico di altissimo valore. La seconda, non meno importante, il fatto di aver voluto intitolare il Concorso al Prof. Bernardino Ragni ci rendeva orgogliosi di poter spronare la curiosità dello Studente, con rispetto della fiducia riposta dalla famiglia, proprio attraverso la sua memoria”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....