Norcia, al via Ecotour tra memoria e futuro

  • Letto 399
  • Il 29 ottobre proiezione del docu-film “Storie di Pietre” diretto da Alessandro Leone

    A un anno dalle terribili scosse di terremoto che hanno messo in ginocchio il centro Italia, molte delle persone sfollate vivono ancora nei moduli abitativi temporanei. Lo scenario è frammentato da macerie, abitazioni abbandonate, luoghi di culto distrutti e un enorme patrimonio artistico sepolto.
    Cosa spinge una piccola comunità a rimanere legata ad una terra che non smette di tremare? Cosa muove i suoi abitanti a scavare a mani nude tra le macerie di una chiesa che fu simbolo di una piccola frazione contadina? Un crocefisso da riassemblare per la processione patronale, una tela in parte sepolta sotto le pietre che conservano memoria collettiva e i segni di tradizioni ataviche, diventano emblemi di resilienza, fiera appartenenza, difesa di una cultura che vuole rimanere viva, sfida all’isolamento post-sisma.
    Poco lontano, a Campi, un gruppo di restauratori, sotto l’egida del ministero, lavora a San Salvatore per recuperare frammenti di un patrimonio artistico inestimabile sbriciolato dagli effetti di una natura implacabile, mentre, in totale isolamento a mille metri di altitudine, un monaco vive in armonia con Dio nel rispetto della regola ora et labora, rinforzando instancabilmente il suo eremo per nulla intimorito da una terra che ha imparato ad amare.

    Storie di Pietre, docu-film diretto da Alessandro Leone con Ester produzioni start, – – realizzato in collaborazione con Chief Onlus e Per il sentiero del silenzio da Frascaro a Norcia, con il patrocinio non oneroso di Regione Umbria e Comune di Norcia e grazie al Mibact Segretariato Regione Umbria Soprintendenza ABAP dell’Umbria e Diocesi di Spoleto-Norcia – racconta e descrive tre aspetti della vita a Frascaro, frazione di Norcia, dopo il terremoto del 24 agosto 2016. Insignito del Premio RAI al miglior documentario d’attualità del Trento Film Festival. Storie di Pietre fa parte del progetto “Ecotour tra memoria e futuro” che mira a valorizzarne le peculiarità e l’incredibile resilienza di questi territori e delle comunità che con coraggio li abitano, cercando di recuperare, giorno dopo giorno, radici che a volte sembrano ancora sepolte sotto le macerie.
    Il progetto “Ecotour tra memoria e futuro”, sostenuto dalla Fondazione Cassa Risparmio Perugia, ideato dall’Associazione Per il sentiero del silenzio da Frascaro a Norcia APS, con il patrocinio del Comune di Norcia e della Regione Umbria, prevede tre appuntamenti: una prima proiezione di Storie di Pietre in programma il 29 di Ottobre, Ri-vivendo Frascaro, una camminata animata da allegri personaggi, con storie e leggende di Frascaro, che si terrà la prossima primavera e una seconda, suggestiva, proiezione di Storie di Pietre prevista per l’estate 2022.
    La prima proiezione di Storie di Pietre si terrà presso il Centro di Comunità, in Località Madonna delle Grazie a Norcia il 29 di Ottobre alle ore 21:15. La partecipazione è prevista solo previa prenotazione, fino a esaurimento posti e con esibizione di Green Pass.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2024-02-07 08:55:12
    Il PD il nulla, sicuramente troppo, troppo poco,tardi e male e con strani mal di pancia. La Destra il tutto,.....
    Aurelio Fabiani 2024-02-02 20:14:13
    LA TESEI DI NASCOSTO VIENE ALL' OSPEDALE PER NON FARSI MALE. All' oscuro di tutti una volta arrivavano i ladri......
    Aurelio Fabiani 2024-02-01 12:32:14
    BASTA CON QUESTO RIMPALLO DI RESPONSABILITÀ. LA LOTTA DEVE ESSERE PER GARANTIRE A OGNI TERRITORIO E A OGNI OSPEDALE DELLA.....
    AURELIO fABIANI 2024-01-19 18:15:42
    ABBIATE LA DECENZA DI FARE SILENZIO! Voi Governo del: " MI FACCIO GARANTE CHE TUTTO TORNERA' COME PRIMA, TUTTI I.....
    Aurelio Fabiani 2024-01-10 16:26:17
    Meglio tardi che mai. IERI I COMITATI SI SONO CONFRONTATI COL SINDACO. ADESSO VEDIAMO CHI VIENE A PERUGIA A CANTARLE.....