“Il 30 ottobre sia la festa di un popolo che guarda avanti”

  • Letto 499
  • Per i 5 anni del sisma, il messaggio della Priora del Monastero Santa Rita da Cascia, che lancia un appello al premier Draghi, perché i terremotati siano una priorità

    “Invito tutta l’Italia a ricordare questo anniversario celebrando la tenacia, il coraggio e la forza che le comunità delle regioni colpite dal sisma 2016 dimostrano da ben cinque anni. Trasformando sempre più il dolore in motore di vita, mi auguro che il 30 ottobre sia la festa di un popolo che guarda avanti, fiero e consapevole di essere un valore assoluto per queste terre”.
    Così inizia il messaggio della Madre Priora del Monastero Santa Rita da Cascia, Suor Maria Rosa Bernardinis, a cinque anni dal terremoto del 30 ottobre 2016.

    UNA RICARICA PER CONTINUARE – “Non ci siamo arresi né al terremoto né alla pandemia – continua l’agostiniana – ora è il momento di fermarci per renderci conto di quanto è stata importante la nostra ostinatezza a restare, e vivere con dignità e orgoglio, anche quando la terra trema sotto i piedi. Così, proprio in questo giorno significativo, troveremo nuove energie per continuare ancora. Vedere le proprie case demolite – osserva la Priora riferendosi ai cantieri della ricostruzione – potrebbe sembrare la fine di una vita, ma è anzi un nuovo inizio, più sicuro e sereno. Siamo noi a fare di un posto la nostra casa, perciò è necessario ricaricare lo sguardo di forza e speranza che ci ha portato fin qui ed è essenziale al domani. Quello in cui tutti potranno ricostruire ricordi, incontri e affetti nelle loro nuove case”.

    TERREMOTATI PRIORITA’ AGENDA POLITICA – La claustrale si rivolge anche al Governo, chiedendo di non rendere vani i molti sforzi fatti dalla popolazione. “Adesso che il Paese intero guarda alla ripartenza, è fondamentale che i territori terremotati non siano lasciati indietro – ha detto Suor Maria Rosa – perciò vanno trattati dall’agenda politica come un’assoluta priorità. Riconosco che diversi cantieri sono partiti e si stanno trovando fondi aggiuntivi, ma chiedo al Presidente del Consiglio, Mario Draghi, di guidare la squadra di ministri a elaborare strategie e azioni concrete, in grado di fiancheggiare al meglio la tenacia della popolazione e collaborare per dare una svolta in tempi certi. Auguro buon lavoro a lei e a tutti gli organi di governo – ha concluso la Priora, rivolgendosi al premier – perché siate i garanti del futuro di queste persone e queste terre, che aspettano solo di ricevere gli strumenti per riprendere in mano le loro vite in modo decisivo”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....