Maltratta padre e fratello: allontanato dalla Polizia

  • Letto 647
  • 43enne spoletino indagato per il reato di maltrattamenti in famiglia

    Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Spoleto – si legge in una nota stampa della Questura  – hanno dato esecuzione a un’ordinanza con la quale è stata disposta la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari presso il Tribunale di Spoleto, nei confronti di un cittadino italiano – classe 1980 – indagato per il reato di maltrattamenti in famiglia.

    Infatti, secondo quanto riferito dal padre e dal fratello, l’uomo – dedito al consumo di sostanze alcoliche e stupefacenti – da diverso tempo era solito tenere dei comportamenti violenti e aggressivi nei loro confronti, consistenti in ingiurie, minacce e violente percosse. In alcune occasioni, l’uomo era persino arrivato a rompere oggetti, infissi e delle suppellettili.

    I maltrattamenti e le violenze – prosegue la nota  –  erano diventati sempre più frequenti al punto che, in un episodio, al culmine di un’aggressione, l’indagato aveva colpito con una bottiglia il fratello, provocandogli delle lesioni.

    I maltrattamenti continui avevano ingenerato nelle vittime uno stato di ansia e paura che le aveva indotte a chiedere aiuto alla Polizia di Stato.

    Gli agenti del Commissariato di Spoleto, in ragione della gravità degli episodi, avevano attivato subito il Codice Rosso. Terminate le indagini e ricostruita compiutamente la vicenda, la Procura della Repubblica di Spoleto ha contestato all’uomo il reato di maltrattamenti in famiglia, facendo richiesta di applicazione di una misura cautelare a suo carico.

    Il G.I.P. presso il Tribunale di Spoleto, valutata la gravità dei fatti e il pericolo di reiterazione, ha emesso un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’allontanamento immediato dalla casa familiare, prescrivendo all’indagato mantenere una distanza dalle vittime di almeno 200 metri. Nei suoi confronti è stato disposto anche il controllo del rispetto delle misure mediante lo strumento del braccialetto elettronico.

    Una volta emesso il provvedimento, gli agenti hanno provveduto a rintracciare l’indagato e a eseguire la suddetta misura cautelare.

    L’indagato – conclude la nota – è da presumersi innocente fino a sentenza definitiva di condanna.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....