Lucidi (M5S): ”Spoletonorcia… in MTB, l’ennesimo pastrocchio della Giunta Bececco-Laureti»

  • Letto 580
  • Il senatore del MoVimento cinque stelle attacca la passata Amministrazione

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    “Viene chiamata mobilità dolce l’attitudine ad abbandonare i mezzi di trasporto convenzionali per adottare, in alternativa, sistemi più sostenibili come ad esempio la bicicletta. Ma qui a Spoleto di dolce non c’è proprio niente. Anzi siamo di fronte ad una vicenda amara, molto amara”. Lo afferma in una nota il Senatore del MoVimento 5 Stelle Stefano Lucidi.

    “Amara perché quello che emerge studiando le carte fornite a seguito dell’accesso agli atti dall’amministrazione in carica sul progetto SportGiveChance, meglio noto come Spoleto-Norcia, è un quadro a dir poco disarmante – prosegue Lucidi – che la dice lunga sulla superficialità della passata amministrazione spoletina. Quella per intenderci in cui l’attuale opposizione schierava la Vice Sindaco Maria Elena Bececco e l’Assessora Camilla Laureti. Candidate a sindaco da avversarie e poi apparentate al ballottaggio in un abbraccio decisamente poco rispettoso della volontà degli elettori”.

    “Le carte parlano chiaro – rincara il Portavoce spoletino dei Cinquestelle -, il progetto Erasmus plus presentato una prima volta nel 2016 e poi bocciato dalla UE, fu ripresentato l’anno successivo, privo però di tutti i carteggi istruttori del precedente documento. Nessun bando di progettazione, nessun bando di partnership. La differenza sostanziale, che va ben oltre i limiti della Legge Bassanini, sta nel fatto che invece di un evento per persone disabili, persone affette da diabete, persone trapiantate e persone rifugiate, come proposto nel 2016, fu inviato alla commissione Erasmus Plus un progetto privo della parte relativa ai trapiantati e ai rifugiati”.

    “Le carte parlano chiaro, spiega Lucidi. Il progetto iniziale cambia nome passando da: Runners and bikers for a more inclusive and welcoming Europe – “SportGiveChance – call del 12/05/2016 codice EAC/A04/2015 – progetto poi rifiutato e trasformato in: Diabetic Runners and Cyclists for more sport for all in Europe SportGiveChance” come riportato nella deliberazione di giunta comunale N. 117 DEL 23/04/2018 e relativo alla Call for proposals 2017 codiceEAC/A03/2016“.

    “È pertanto evidente che, come giustamente sottolineato da Bruxelles, il progetto iniziale era troppo generalizzato. Afferma il Senatore del M5S – e ai fini di una sua riproposizione, il taglio dal documento della parte relativa alle persone trapiantate e alle persone rifugiate cambia completamente il fine politico della manifestazione. Fermo restando la opportuna verifica della correttezza degli atti”.

    “Nei prossimi giorni – rincara Stefano Lucidi – approfondiremo ancora la questione tramite un nuovo accesso atti presso gli uffici comunali. Mentre sulla questione della rendicontazione economica e sulla non firma del legale rappresentante l’unica cosa che si può dire, durante questa fase delicata è che, il fatto era noto, ma evidentemente non ben compreso. Non solo dagli organizzatori ma anche dai dirigenti comunali, perché sfociato in un imbarazzante carteggio con i responsabili Erasmus che alla fine chiedono di non insistere perché serve la firma del legale rappresentante. Firma che alla fine non è arrivata”

    “Purtroppo, conclude il Portavoce al Senato del MoVimento 5 Stelle – siamo arrivati oggi ad un vero e proprio scontro istituzionale che vede da una parte il vertice dell’amministrazione spoletina che, giustamente, non firma una rendicontazione, già siglata dalla dirigente del Comune sotto la voce “legale rappresentante” e chiaramente rigettata da Bruxelles, e dall’altra un’associazione con un evento in corso di preparazione con tanto di centinaia di pre-iscritti da portare al tavolo negoziale e, pare, con il sostegno dei Sindaci della Valnerina.  Allora è evidente che andando oltre le vicende giudiziarie che sono, ad una prima analisi più che motivate, occorre tentare di ristabilire le giuste proporzioni di un fatto che rischia di penalizzare tutti. Una riconciliazione che a questo punto deve portare al tavolo tutti gli attori coinvolti, siano essi istituzionali e non, sindaci e associazioni, iniziando a separare la parte amministrativa gestita dal comune e quella sportiva, un vincolo che a mio modo di vedere sta penalizzando anche la parte sportiva, che dovrebbe invece svincolarsi al più presto da logiche e appartenenze politiche”.

    Stefano Lucidi – M5S Spoleto

     

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    enrico fabbri 2019-03-18 20:36:19
    ma questa c'ha vissuto a Spoleto,no perchè sembrerebbe che finora non s'èfatto niente di rilevante e adesso arriva lei e.....
    operaia 2019-03-13 14:41:19
    senza dubbio va alzato il livello della mobilitazione!
    Carlo Alberto Bussoni 2019-03-10 08:46:39
    Sanzionati "de che"'. C'è qualche possibilità che paghino anche un solo centesimo? Ed ancora..."è stato adottato il provvedimento del foglio.....
    Graziano evangelisti 2019-02-27 00:24:18
    prendo
    Moreno Angeli 2019-02-25 17:24:17
    Rip uomo buono e onesto .A Daniela e figli le mie più sentite condoglianze