La mannaia sulla ex Cementir

  • Letto 1367
  • Nota stampa di Partito Democratico, Ora Spoleto e Laureti per Spoleto

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Purtroppo tutti i timori palesati da tempo dai lavoratori sono stati confermati nonostante le promesse dell’azienda di mantenere i livelli occupazionali esistenti, come è stato evidenziato lunedì 27 maggio, nell’incontro tra organizzazioni sindacali Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil e Colacem per il futuro dello stabilimento ex Cementir di Spoleto.

    È stato convocato lunedì alle ore 12:00 in Regione il tavolo di unità di crisi, ma è ormai chiaro che solo un intervento del Ministero del Lavoro e Sviluppo Economico potrebbe avere gli strumenti per mettere sul piatto soluzioni a salvaguardia dei dipendenti e rimane fondamentale che quest’ultimo lavori in sinergia con la Regione, il Comune e i sindacati alla ricerca di soluzioni condivise e migliorative, a garanzia dei lavoratori.

    È francamente incomprensibile come in un paese dove si racconta di voler sbloccare le grandi opere e dove deve necessariamente ripartire la ricostruzione post sisma non ci sia futuro per un’azienda che produce cemento.
    Crediamo che questo, ormai lungo, periodo di incertezza sul futuro dei dipendenti e dello stabilimento di Spoleto sia una situazione inaccettabile ed esprimiamo tutta la nostra vicinanza e la nostra solidarietà ai lavoratori, consapevoli che tutto ciò non può e non deve bastare a risolvere la crisi, né a lenire il disagio e la preoccupazione delle persone che da mesi vivono questo dramma.
    Negli articoli apparsi sulla stampa il termine che ricorre spesso è mannaia.
    E non potrebbe essere altrimenti per una situazione che si prolunga da mesi e che ad ogni risvolto peggiora.

    La mannaia è quella che sta per abbattersi sui lavoratori che stanno perdendo il lavoro, ma la mannaia è anche l’incertezza del futuro che pesa su tutti i dipendenti, non solo per la metà di essi, la mannaia sono le promesse mai mantenute, è la politica che non riesce a dare risposte, è il cinismo di una economia che guarda solo al profitto e che tratta le persone come numeri.
    Guardando alla nostra città è certamente ora di lavorare ad un serio piano di sviluppo per Spoleto affinché si argini la crisi occupazionale e si prospettino nuove opportunità di lavoro per giovani, disoccupati e cassaintegrati di tutte le età.

    PARTITO DEMOCRATICO DI SPOLETO
    ORA SPOLETO
    LAURETI PER SPOLETO

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....