La Cooperativa Il Cerchio ha ricevuto la “coccarda della trasparenza”

  • Letto 269
  • Contraddistingue le organizzazioni eccellenti che credono nell’attività del fundraising e del fundraiser, rispettando le specificità di questa professione garantendo una giusta retribuzione e vietando la pratica del compenso esclusivamente a percentuale

    Massima trasparenza operativa e maggiori tutele per i donatori. Questo il risultato di un accordo raggiunto con ASSIF – Associazione Italiana Fundraiser e Italia non profit, organizzazioni da sempre impegnate per la formazione e tutela degli operatori del fundraising e del donatore, battendosi per la trasparenza delle attività di raccolta fondi.
    Un accordo che ha portato la Cooperativa Il Cerchio alla sottoscrizione del memorandum e del codice etico delle due organizzazioni impegnandosi, come già fatto finora a garantire la massima trasparenza e la tutela del donatore, attraverso il rispetto della professione del fundraiser.
    La Cooperativa Il Cerchio ha ricevuto la “coccarda della trasparenza” che contraddistingue le organizzazioni eccellenti che credono nell’attività del fundraising e del fundraiser, rispettando le specificità di questa professione garantendo una giusta retribuzione e vietando la pratica del compenso esclusivamente a percentuale.
    “Il nostro costante impegno nella raccolta fondi per la realizzazione di progetti ed attività per le persone anziane, diversamente abili o minori svantaggiati del nostro territorio oggi si arricchisce di un elemento in più, una garanzia che assicura chiunque ci aiuti a supportare i nostri progetti che l’importo donato sarà devoluto ai progetti di sostegno e miglioramento della qualità della vita delle persone cosiddette svantaggiate”, le parole dei Responsabili della Cooperativa visibilmente felici per il riconoscimento ricevuto.

    “Sono due le caratteristiche principali che contraddistinguono le nostre campagne di raccolta fondi. La prima è che i destinatari sono i servizi del nostro territorio, per la promozione di attività sociali e socio-assistenziali per le persone che sono vicino a noi, che hanno bisogno del nostro aiuto. La seconda è che l’intero ricavato della raccolta fondi viene utilizzato per i destinatari, non viene trattenuto nemmeno un euro dall’importo raccolto per la gestione della struttura organizzativa, come invece avviene in tutte le raccolte fondi di ogni organizzazione.”
    Oggi la Cooperativa Il Cerchio è impegnata anche nella campagna per il 5 per mille, destinata al finanziamento delle attività svolte all’interno dei servizi, in favore di persone anziane, diversamente abili, minori con situazioni problematiche, ecc. presenti nel nostro territorio.
    Chiunque volesse contribuire, può donare il proprio 5×1000 utilizzando il codice inserendo nell’apposita casella nel proprio CUD il codice 01517980544 (per maggiori informazioni consultare il sito http://www.ilcerchio.net/5×1000.html).
    Mancano pochi giorni, ma il contributo di tutti è importantissimo per regalare un sorriso a chi più ne ha bisogno.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2020-10-29 09:13:13
    SENZA VERGOGNA. La Destra si "intorcina" tra facce impresentabili e ipocrisie sconfinate. I due signori rappresentanti dell'estrema Destra umbra che.....
    Paolo 2020-10-25 10:49:21
    Non dimentichiamoci che oltre la casa di reclusione ci sono 2 stabilimenti a rischio e cioè lo Stabilimento Militare dove.....
    Viscos 2020-10-23 19:02:40
    .. RASSICURAZIONI se è vero che hanno messo una tenda... E questo è un affronto alla Città.. Oltre che della.....
    Tiziana Santoni 2020-10-23 00:18:50
    I presenti alla protesta hanno giustamente e calorosamente invitato i complici del furto operato ai danni della città di Spoleto.....
    Aurelio Fabiani 2020-10-22 23:42:02
    Alcuni dei presenti citati dall'articolo saranno venuti a controllare la protesta o a metterci il cappello. I cittadini indignati erano.....