Io non rischio: nel weekend la campagna della Protezione Civile

  • Letto 392
  • Sabato e domenica sono state circa 400 le persone si sono recate ai Gazebo presenti in piazza della Vittoria

    Ridurre gli effetti dei rischi naturali è possibile: per questo sabato 14 e domenica 15 ottobre, in occasione delle Giornate nazionali di “Io non rischio – Buone pratiche di protezione civile”, la campagna sulle azioni con cui ciascuno di noi può contribuire a ridurre rischi come terremoto, alluvione, maremoto, rischio vulcanico e incendi boschivi, il Gruppo comunale Volontari di Protezione civile di Spoleto è stato presente in piazza della Vittoria con un proprio spazio informativo.

    Organizzata in collaborazione con il Dipartimento Nazionale di Protezione civile, il Servizio regionale di Protezione civile e l’Ufficio Protezione civile del Comune di Spoleto, la manifestazione è stata incentrata sul rischio terremoto e ha visto impegnati i volontari nell’illustrare ai cittadini le buone pratiche di Protezione civile in caso di evento sismico.

    Anche quest’anno c’è stata una partecipazione e un’attenzione particolare alle tematiche della campagna Io non rischio – ha spiegato il vicesindaco con delega vigilanza e sicurezza della Città e del territorio, Stefano Lisci, che ha portato il saluto dell’amministrazione comunale insieme all’assessore Letizia Pesci e al consigliere comunale Federico CesarettiNel corso della due giorni sono state circa 400 le persone a cui sono state fornite informazioni, tra cui gli studenti e le studentesse delle terze classi della scuola secondaria di primo grado “Luigi Pianciani”. Ringrazio tutti i volontari del Gruppo comunale di Protezione civile di Spoleto che hanno lavorato all’iniziativa, sia in fase di preparazione ed organizzazione, sia garantendo una presenza costante ai Gazebo.

    La due giorni ha di fatto chiuso la Settimana Nazionale della Protezione Civile, che ha portato migliaia di volontarie e volontari di protezione civile ad animare punti informativi in tutta Italia, dalle grandi città alle isole minori, per diffondere quella cultura della prevenzione attraverso cui ciascuno può fare la differenza nella sicurezza propria e di chi gli sta intorno.

    La campagna nazionale è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv – Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Reluis – Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, Fondazione Cima – Centro Internazionale in Monitoraggio Ambientale, Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e ANCI, Associazione Nazionale Comuni Italiani.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2024-02-07 08:55:12
    Il PD il nulla, sicuramente troppo, troppo poco,tardi e male e con strani mal di pancia. La Destra il tutto,.....
    Aurelio Fabiani 2024-02-02 20:14:13
    LA TESEI DI NASCOSTO VIENE ALL' OSPEDALE PER NON FARSI MALE. All' oscuro di tutti una volta arrivavano i ladri......
    Aurelio Fabiani 2024-02-01 12:32:14
    BASTA CON QUESTO RIMPALLO DI RESPONSABILITÀ. LA LOTTA DEVE ESSERE PER GARANTIRE A OGNI TERRITORIO E A OGNI OSPEDALE DELLA.....
    AURELIO fABIANI 2024-01-19 18:15:42
    ABBIATE LA DECENZA DI FARE SILENZIO! Voi Governo del: " MI FACCIO GARANTE CHE TUTTO TORNERA' COME PRIMA, TUTTI I.....
    Aurelio Fabiani 2024-01-10 16:26:17
    Meglio tardi che mai. IERI I COMITATI SI SONO CONFRONTATI COL SINDACO. ADESSO VEDIAMO CHI VIENE A PERUGIA A CANTARLE.....