«Gravi affermazioni del dott. Mancini sull’ospedale, chiarisca quanto prima»

  • Letto 473
  • BANNER-DUE-MONDI-NEWS-SPOLETO

    Le opposizioni chiedono immediati chiarimenti

    (DMN) Spoleto – non si placa la polemica su quanto affermato, nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale dal Capogruppo di Laboratorio Spoleto, il dott. Mario Mancini che su delega del Sindaco ha condotto dei sopralluoghi al San Matteo degli Infermi. Le opposizioni chiedono chiarimenti immediati.

    «All’ospedale di Spoleto ci sono situazioni illegali e pericolose per i pazienti “: questa la frase shock che ha gelato tutti i consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, – scrive in una nota il Partito Democratico –  oltre che i membri di giunta ed il sindaco stesso, al termine del consiglio comunale di lunedì. Il Partito democratico di Spoleto invita il consigliere Mancini a circostanziare tali eventuali “illegalità e pericoli” ed a segnalarle in questo caso alle autorità competenti qualora ne avesse prova. Viceversa un’affermazione di questa gravità assoluta , verbalizzata in consiglio comunale durante la discussione di una mozione, getterebbe un inutile discredito sull’ospedale di Spoleto che rappresenta in tanti settori un’eccellenza assoluta, difesa nel corso degli anni senza distinzioni politiche di sorta. Il Gruppo consiliare del PD procederà con l’accesso agli atti del verbale del consiglio comunale in cui sono state rilasciate queste gravi dichiarazioni per preparare una interrogazione con risposta scritta in consiglio per pretendere maggiore chiarezza sulla vicenda, in attesa che il Sindaco, come da lui preannunciato, convochi quanto prima la commissione preposta per un confronto anche con l’Assessore regionale Barberini e il Direttore sanitario.» 

    [wp_bannerize group=”Articoli-600×150″ random=”2″ limit=”1″]

    Dello stesso avviso anche i consiglieri di Alleanza Civica e Spoleto Popolare che in una nota stampa affermano che «Nella seduta del consiglio comunale di ieri (lunedì ndr), durante la dichiarazione di voto relativa alla mozione della culla salvavita, il capogruppo di Laboratorio per Spoleto Mario Mancini ha dichiarato che facendo un giro nel nosocomio spoletino, su delega del Sindaco, avrebbe riscontrato situazioni a suo dire illegali e pericolose.
    Tali gravi affermazioni o vengono circoscritte e dimostrate ed immediatamente seguite dalle azioni necessarie o se non fossero dimostrabili sarebbero da considerare ancora più gravi perché getterebbero un dannoso ed inutile discredito sulla struttura ospedaliera spoletina ad oggi riconosciuta, pur nelle difficoltà generali, come un’eccellenza.
    Ci auguriamo che nelle prossime ore il consigliere chiarisca le sue dichiarazioni.» 

    Anche Camilla Laureti é con le opposizioni ed afferma che « siamo diventati comune dell’illegalità e non ce ne siamo accorti. Dopo le esternazioni del Sindaco De Augustinis sulle presunte irregolarità del progetto Erasmus plus, ora è la volta del consigliere Mancini, a cui il sindaco ha affidato le deleghe alla sanità, che ha dichiarato nell’ultimo consiglio comunale che all’ospedale di Spoleto ci sarebbero situazioni di illegalità e pericolose per i pazienti. 

    Ai membri di questa amministrazione chiediamo di pesare le parole e, soprattutto, di far seguire alle parole i fatti.
    Aspettiamo di conoscere – non tramite scarni comunicati stampa ma nel più alto consesso cittadino e in tempi brevi – a quali fatti si riferiscono le dichiarazioni di Mancini e di denunciare immediatamente episodi di questo tipo nelle opportune sedi giudiziarie. 
    Compito di un amministratore non è certo quello di lanciare il sasso per poi immediatamente dopo nascondere la mano.
    Nel frattempo chiediamo a questa amministrazione di vigilare su quello che sta succedendo all’interno di alcuni reparti dell’ospedale di Spoleto e soprattutto a presunti ridimensionamenti del servizio di laboratorio analisi e di cardiologia».
    Nel pomeriggio è stata diramata una nota congiunta dei gruppi di opposizione che riportiamo integralmente di seguito:

    E’ davvero incredibile.
    In un’intervista apparsa su Tuttoggi, il consigliere Mancini conferma quanto già detto Lunedì in Consiglio Comunale, e cioè l’esistenza di situazioni gravi, illegali e pericolose nel locale nosocomio, ma senza specificare, rimandando ad un chiarimento di Giunta.
    Davvero questo sembra proprio un modus operandi dell’attuale Amministrazione, considerato che non è nuova ad annunciare ufficialmente situazioni di illegalità senza specificarle ma rimandando a chiarimenti interni.
    Forse bisognerebbe ricordare ai nostri amministratori che è finita la campagna elettorale e che oggi siedono come pubblici ufficiali in organi esecutivi amministrativi e non giudiziari.
    Ci domandiamo infatti che possibilità di deliberazione abbia la Giunta su situazioni illegali e, soprattutto, se sia ancora sopportabile la politica degli annunci di illegalità senza specificarli e senza attivare subito i necessari mezzi per interromperle.
    Anche in altre occasioni si sono ventilate alla stampa ed al pubblico situazioni di presunta illegalità senza poi specificarle, il cui unico effetto è stato semplicemente gettare discredito su persone, manifestazioni o progetti.
    Bisogna aspettare l’esame della Giunta per capire dove sia questa situazione di grave pericolo? Tutto questo è davvero incredibile!
    Chiediamo l’intervento immediato di chi ha la responsabilità della correttezza delle azioni che vengono svolte all’Ospedale di Spoleto,  per conoscere in cosa consistano le generiche affermazioni di un consigliere comunale delegato dal Sindaco ed andare così a rimuovere situazioni gravi, illegali e pericolose, poiché esisterebbe in caso contrario una grave omissione sia nel non partecipare le illegalità sia nel non rimuoverle. Se poi fosse necessario andrebbe richiesta una Commissione Regionale, competente in materia di sanità .

    Spoleto Popolare

    Alleanza Civica

    Ora Spoleto

    Partito Democratico

    Camilla Laureti per Spoleto

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Alberto Bussoni 2019-10-22 07:44:46
    Sì, ma non è Piazza del mercato, ma via Arco di Druso!
    Andrea 2019-10-18 13:37:56
    Una persona che quando parla si capisce cosa dice, peccato che non si candidi lei a rappresentare l'Umbria e Spoleto......
    Sonia Comessatii 2019-10-15 22:00:10
    Non mi sembra un atto serio e circostanziato se non fanno il nome dell'assessore competente. Chi è? Lavori pubblici? Scuola?
    Stefano Conti 2019-10-15 17:08:07
    prima la cina con brunini e poi non si è fatto niente, poi dovevano salvare la minerva e anche li.....
    Anna 2019-10-09 23:42:41
    Buonasera volevo informarvi che il cognome Non bellomo ma belluomo riferendomi al articolo sul artista corrado belluomo.