Domani al PalaRota la Maran Nursia ospita il Carré Chiuppano, Santillo: “ce la possiamo fare”

  • Letto 1268
  • ​Quarta di ritorno e la Maran Nursia torna al PalaRota domani dopo due trasferte consecutive, culminate con lo splendido successo conseguito in casa del PesaroFano; il tutto dopo una settimana incentrata sul forte legame tra società e squadra, con il presidente Edoardo D’Atanasio molto vicino a Da Silva ed ai giocatori.
    ​“È stato molto importante che Edoardo abbia dato la scossa alla squadra – dice il dirigente accompagnatore ufficiale, Lorenzo Santillo, che vive quotidianamente a fianco di Trapsso e compagni – perché i ragazzi non lo hanno visto come un rimprovero, ma come un attestato di fiducia nei loro confronti e del lavoro che stanno facendo con il mister. La prestazione di Pesaro non è stata un caso: è vero che nel primo tempo abbiamo sofferto un po’, ma nella ripresa, quando è servito dare lo strappo, abbiamo risposto alla grande e chiuso l’incontro. Ma, per noi, non è una sorpresa giocare bene; solo i risultati ci hanno condannato”.
    ​Si è parlato molto della prestazione di Stringari e della sicurezza di Proietti in porta.
    ​“Perché sono giovani e, soprattutto perché Riccardo aveva sulle spalle il compito di non far rimpiangere Barigelli. In verità è stata la vittoria di tutti, compreso il mister che ha saputo toccare i tasti giusti all’intervallo, tirando fuori la voglia matta di vincere la partita”.
    ​Ora sarebbe fondamentale dare continuità; e, sabato, c’è il Carré Chiuppano, ultimo in classifica, ma che, nella ultima uscita ha frenato la capolista Milano sul 5-5.
    ​“Se penso alla partita di andata, perdo ancora il controllo: un match che dovevamo vincere e che, per colpa di una sbavatura difensiva, ci è sfuggita negli ultimi secondi. Io credo che ce la possiamo fare: è vero che loro sono in gran forma, soprattutto dopo il cambio in panchina; ma anche noi stiamo bene mentalmente e, a Milano, nonostante la sconfitta, non abbiamo demeritato, giocandocela alla pari per lunghi tratti e mettendo loro paura con il portiere di movimento. Quindi resto fiducioso”.
    ​Sul fronte della formazione, l’unica cosa certa è che non ci sarà Trapasso, appiedato dal giudice sportivo (ed è un vero peccato, visto lo stato di forma del capitano e i suoi due assist a Pesaro); ci sarà Duarte, rientrato in settimana dal Brasile in un buono stato di Domforma. Fino all’ultimo Da Silva cercherà di recuperare Mindoli e Paolucci, alle prese con noie muscolari che saranno valutate nell’immediato prepartita.
    ​Appuntamento al PalaRota alle ore 15.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2024-02-07 08:55:12
    Il PD il nulla, sicuramente troppo, troppo poco,tardi e male e con strani mal di pancia. La Destra il tutto,.....
    Aurelio Fabiani 2024-02-02 20:14:13
    LA TESEI DI NASCOSTO VIENE ALL' OSPEDALE PER NON FARSI MALE. All' oscuro di tutti una volta arrivavano i ladri......
    Aurelio Fabiani 2024-02-01 12:32:14
    BASTA CON QUESTO RIMPALLO DI RESPONSABILITÀ. LA LOTTA DEVE ESSERE PER GARANTIRE A OGNI TERRITORIO E A OGNI OSPEDALE DELLA.....
    AURELIO fABIANI 2024-01-19 18:15:42
    ABBIATE LA DECENZA DI FARE SILENZIO! Voi Governo del: " MI FACCIO GARANTE CHE TUTTO TORNERA' COME PRIMA, TUTTI I.....
    Aurelio Fabiani 2024-01-10 16:26:17
    Meglio tardi che mai. IERI I COMITATI SI SONO CONFRONTATI COL SINDACO. ADESSO VEDIAMO CHI VIENE A PERUGIA A CANTARLE.....