Fondi Next Generation EU, “possibile che il Sindaco de Augustinis non sappia la differenza tra un progetto Preliminare ed un progetto Esecutivo?”

  • Letto 805
  •  Il comunicato stampa dei consiglieri Frascarelli, Profili e Settimi 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Fondi Next Generation EU, per molti è la soluzione di tutti i mali e ritardi della pubblica amministrazione. In parte è cosi, ma e’ necessario leggere i provvedimenti e studiarli, per individuare e proporre richieste possibili, per evitare che si trasformi nella ennesima occasione persa.
    Secondo le linee Europee, i Piani di ripresa e resilienza dovrebbero essere composti “da riforme e investimenti, raggruppati in componenti coerenti”, che “dovrebbero avere una granularità/specificità sufficiente per mostrare un collegamento diretto tra le misure proposte”. Inoltre, gli Stati membri sono invitati a dettagliare gli investimenti e le riforme inclusi nella componente, il loro contributo previsto, gli obiettivi, i relativi traguardi e tempistiche, il loro finanziamento e costo.

    Il 70% dei fondi dovrà essere impegnato tra il 2021 e il 2022, mentre il restante 30%, dovrà essere speso nel 2023. Il lavori dovranno terminare ed essere rendicontati entro il 2026.

    “Stiamo lavorando affinché le opportunità derivanti dal Next Generation EU abbiano una ricaduta positiva sul territorio in termini di risorse e progetti realizzabili – sono state le parole del Sindaco Umberto de Augustinis – l’obiettivo è fare in modo che la città possa riprendere a correre anche attraverso investimenti pubblici mirati e utili al rilancio della città.”

    Finanziare il recupero dell’Anfiteatro romano con il Next Generation EU. Questa la richiesta del Cimune di Spoleto che il Sindaco de Augustinis ha illustrato alla Presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, con l’obiettivo di inserire l’intervento nei piani della finanziaria e ottenere le risorse necessarie.
    Considerando che il progetto presentato dal Comune di Spoleto nella seconda metà degli anni 2000 alla Regione Umbria, e’ un progetto Preliminare generale che e’ stato approvato in via tecnica con delibera di giunta n.402 il 19 settembre del 2006, a cui non è stato dato seguito (se non per una piccola parte con il finanziamento per circa 3 milioni di euro ottenuto dalla precedente giunta, quella del compianto Sindaco Cardarelli), la scelta dell’attuale giunta de Augustinis, se lodevole in astratto, rischia di essere esclusa.
    Infatti le tempistiche imposte dalle linee guida EU, sopra richiamate, fanno ritenere inverosimile che l’intervento con progetto Preliminare riesca ad ottenere, in un area vincolata come quella dell’Anfiteatro Romano, le relative autorizzazioni per riuscire ad impegnare le risorse entro il 2023, e poi rendicontarle entro il 2026.

    Per questo dopo i rulli di tamburo e gli annunci del Sindaco de Augustinis, e’ stato fatto un accesso agli atti in comune, per capire meglio cosa fosse stato chiesto e quale fosse lo stato dell’arte.

    Abbiamo così letto, nella lettera di trasmissione inviata dal sindaco de Augustinis alla Presidente Tesei con la quale ha chiesto di finanziare l’intervento, che il progetto Preliminare approvato dalla giunta nel 2006, cosi come riportato nella delibera stessa, si trasforma secondo quanto scritto dal Sindaco de Augustinis, un progetto Esecutivo!

    La domanda sorge spontanea, ma possibile che il Sindaco de Augustinis non sappia la differenza tra un progetto Preliminare ed un progetto Esecutivo? Un uomo di legge non conosce la differenza? Oppure come spesso diceva l’On. Giulio Andreotti: “A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si indovina”.

    La sconcertante realtà è che a prescindere dall’errore, “definiamolo così”, contenuto nella lettera a firma del Sindaco de Augustinis, che preferisce la politica dell’ apparire a quella dell’essere, il rischio concreto che si profila è che anche questa volta la città di Spoleto rischia di perdere l’ennesima occasione di finanziamento di opere per la città. Sarebbe l’ennesimo fallimento di questa giunta, che si andrebbe a sommare a quelli dei fondi persi del MIUR, dell’ANAS e del ministero dell’Interno, fallimenti che si andrebbero a ripercuotere sulla nostra fragile e martoriata città.

    Ilaria Frascarelli

    Gianmarco Profili

    Roberto Settimi

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-11 09:58:47
    Avete già firmato il 22 ottobre 2020, con la chiusura dell' Ospedale San Matteo. Ci basta quella per conoscere gli.....