Il Commissario Straordinario per la riparazione e ricostruzione sisma 2016, Sen. Guido Castelli, ricevuto a palazzo Comunale

  • Letto 717
  • Tre le priorità indicate dal sindaco Sisti: scuole, beni pubblici non ancora finanziati e la vecchia ferrovia Spoleto-Norcia

     
    Il sindaco di Spoleto, Andrea Sisti ha ricevuto venerdì  pomeriggio a Palazzo comunale il Commissario Straordinario per la riparazione e ricostruzione sisma 2016, Sen. Guido Castelli. Al centro del colloquio l’andamento della ricostruzione, sia pubblica che privata, e le prospettive di sviluppo del territorio spoletino e di quelli limitrofi a sei anni mezzo dal terremoto. 
     
    Tre in particolare i focus evidenziati dal sindaco Sisti:“Innanzitutto le scuole, perché stiamo affrontando un aumento dei prezzi che non facilita l’assegnazione dei lavori. Abbiamo elaborato il Piano scuole 2050 e su questo c’è la necessità di un confronto costante con la struttura commissariale”.
     
    Il secondo punto ha riguardato i beni pubblici che non hanno ancora fonti di finanziamento anche se danneggiati dal sisma. Nello specifico si è parlato di Palazzo Collicola, del Ponte delle Torri (al netto degli interventi in corso finanziati dal Ministero della Cultura necessita di ulteriori lavori di sistemazione per circa 15 milioni di euro), dell’area dell’anfiteatro romano (all’ex Monastero della Stella, dove sono in corso i lavori, è prevista la sede del Centro di ricerca per la digitalizzazione del patrimonio culturale e ambientale dell’Università degli Studi di Perugia) e il portico di Loreto. 
    Centrale anche il completamento della vecchia ferrovia Spoleto-Norcia, la cui ultimazione fungerebbe da collegamento anche con i Monti Sibillini e con il versante adriatico. 

     

    Il Sindaco Sisti continua:“Chiediamo, così come fatto nelle interlocuzioni precedenti con l’ex Commissario Legnini, l’emanazione di due ordinanze, una dedicata a Spoleto per i beni non ancora finanziati e una più generale dedicata alle scuole, affinché vengano risolte le problematiche che stiamo incontrando”. 
     
    “Ascoltare le esigenze dei territori per intervenire e migliorare l’azione con tempestività – sono state le parole del Commissario Guido Castelli – Lavoriamo per velocizzare la ricostruzione, far partire i cantieri per gli edifici pubblici, sbloccare quelli privati che spesso procedono a rilento. L’edilizia scolastica è ovviamente tra le priorità, per questo come Struttura commissariale abbiano subito stimolato lo sblocco dell’accordo quadro finalizzato alla riqualificazione di 227 scuole danneggiate dal sisma del 2016, che in totale ha colpito 450 istituti scolastici dentro e fuori cratere”.  
     
    “Al tempo stesso proseguiamo anche sul fronte delle politiche di sviluppo, perché credo che questo quadrante del cratere ci permette di avanzare e anticipare soluzioni innovative anche per gli altri territori – ha aggiunto il Commissario Castelli – Per fare questo abbiamo bisogno di risorse, dalla Legge di Bilancio a quelle disponibili per le aree depresse. Il programma di rilancio socio economico del cratere sta funzionando, quindi ci auspichiamo che si possa implementare ulteriormente la dotazione economica del fondo complementare sisma. Di fatto la struttura commissariale cercherà di essere quanto più dinamica e operativa possibile, perché per un effettivo rilancio del cratere c’è bisogno di mettere in campo azioni di macro sistema”.
     
    Il confronto è stata anche l’occasione per considerare le iniziative di carattere culturale, centrali tra le politiche di sviluppo per i territori dell’area del cratere. Per quanto riguarda Spoleto, al netto del valore riconosciuto del Deposito di Opere d’arte di Santo Chiodo, l’ipotesi di una collaborazione tra Palazzo Collicola e il MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo MAXXI, si configurerebbe quale opportunità per valorizzare anche i centri di ricerca universitari che avranno sede in città e che hanno già ottenuto i finanziamenti tramite il PNRR.
     
    All’incontro hanno partecipato gli assessori Agnese Protasi, Luigina Renzi, Giovanni Angelini Paroli e Danilo Chiodetti, il segretario generale Mario Ruggieri e i dirigenti Vincent Ottaviani, Stefania Nichinonni, Roberta Farinelli e Sandro Frontalini.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo neri 2024-07-06 09:48:20
    La trave nel....l'occhio altrui è sempre una pagliuzza.
    Aurelio Fabiani 2024-07-04 18:04:00
    Chiunque incontri la Tesei e non rivendichi la riapertura immediata di tutti i reparti del San Matteo chiusi nel 2020,.....
    Carlo neri 2024-06-30 17:36:48
    Bocci senza lo sponsor Comune di Spoleto/PD farebbe la fame.
    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....