Spoleto per Liliana Segre, il Comitato Free Wor(l)d chiede la cittadinanza onoraria al sindaco

  • Letto 316
  • Già partita la petizione e la mozione consigliare

    In seguito ai recenti fatti di cronaca che hanno costretto la Prefettura di Milano a dare una tutela sotto regime di scorta alla senatrice Liliana Segre per le minacce ricevute e per garantire la sua incolumità, il Comitato del Festival Free Wor(l)d per la Libertà di Espressione di Spoleto, con le sue quindici associazioni e i suoi cittadini aderenti, ha deciso di lanciare una petizione online sulla piattaforma change.org (https://bit.ly/2NzWexeper chiedere che il sindaco della città Umberto De Augustinis si prenda l’impegno di conferirle la Cittadinanza onoraria, come hanno fatto e stanno facendo molte altre città tra cui Terni, Varese, Mantova, Trapani, Latina, Pesaro, Vasto, Arezzo, Reggio Calabria.

    Il Festival che si è costituito in aprile con l’intento di contrastare il sopruso delle parole e la violenza con il dialogo e il confronto democratico, in fondamentale collaborazione con professori e studenti, ha inaugurato una serie di eventi culturali itineranti dal 18 al 20 ottobre scorso riscuotendo nella città partecipazione e coinvolgimento.

    “Abbiamo pensato che una donna di pace come lei, sopravvissuta all’orrore dell’Olocausto e portatrice sana di Memoria, meriti una scorta civica”, si legge sulla pagina ufficiale Facebook del Free Wor(l)d.

    Liliana Segre, nominata senatrice a vita dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, è stata oggetto di pesanti minacce e insulti per il suo essere ebrea, proprio come accadde nel 1938 quando a otto anni venne espulsa dalla scuola in seguito alla promulgazione delle leggi razziali, e per aver proposto l’istituzione di una Commissione parlamentare contro l’odio, il razzismo e l’antisemitismo che è stata approvata con 151 voti favorevoli e ben 98 astensioni da parte delle destre.

    La paura e l’ignoranza di certi odiatori seriali non ha trovato freni e il Prefetto Saccone è dovuto intervenire sollecitando la scorta: dal 7 novembre 2019 due carabinieri accompagnano la senatrice, una donna incarcerata e deportata ad Auschwitz nel 1944 e che oggi ha 89 anni, nei suoi spostamenti.

    “E’ allarmante e vergognoso che in un Paese come il nostro ci si astenga dal votare una Commissione su razzismo e antisemitismo, adducendo falsamente che si tratti di una limitazione della libertà di pensiero come se fosse la Costituzione stessa a non ammettere rispetto e a travisare la Memoria e la Storia che la senatrice rappresenta” ha riferito l’ideatrice del Festival Valentina Tatti Tonni, “l’importanza di creare questi presidi civici, come i sindaci che già le hanno conferito la cittadinanza onoraria e petizioni come la nostra, sta nel far passare il messaggio che a contrastare l’odio lei non è sola. Per questo spero che decida di non lasciare la Commissione, intenzione di cui ho letto dopo l’assegnazione della scorta”.

    L’appello lanciato, questa mattina ha trovato un riscontro positivo: le consigliere comunali di opposizione, Luigina Renzi e Camilla Laureti, hanno presentato una mozione in Comune proprio con l’indirizzo di conferimento della cittadinanza onoraria a Liliana Segre.  

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Maria Grazia PROIETTI 2020-07-01 16:06:49
    Io non ho capito: tre preti fra S. Giacomo e Cortaccione e uno solo per Sacro Cuore e S. Sabino?.....
    Paolo 2020-06-30 22:54:58
    Buonasera, sono un appartenente della parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata di Cortaccione, vorrei fare delle esternazioni in merito ai frequenti.....
    Moreno angeli 2020-06-29 11:02:45
    Carlo Alberto, perlomeno è rimasto il ricordo. Il ricordo di noi amici di una volta. Quello dei ragazzi di oggi,.....
    Carlo Alberto Bussoni 2020-06-29 06:56:21
    Speranze di gioventù andate tutte deluse grazie al tradimento dei sindacati, dei partiti sedicenti di sinistra. e del menefreghismo generale......
    Alexandra Almon 2020-06-26 22:57:11
    Carissimo Gianni Burli, la tua situazione sembra la fotocopia di quanto vissuto da noi negli ultimi due anni. Grazie a.....