Spoleto, non si può annaffiare il campo da rugby: SevenSpò ‘trasloca’ a Foligno

  • Letto 1006
  • Persistono i problemi all’impianto di irrigazione del campo da rugby di San Nicolò 

    (DMN) Spoleto – La prima edizione di  SevenSpò si farà. Il torneo di rugby Sevens, annullato la scorsa estate per via dei problemi avuti con l’impianto di irrigazione e quello delle docce del campo di rugby di via Pietro Falchi, nel quartiere  di San Nicolò,  si giocherà  nel mese di giugno… a Foligno. A tutt’oggi, infatti,  l’Asd Spoleto Rugby, società organizzatrice del torneo, é ancora nella situazione di non poter annaffiare il campo da gioco, così  l’evento che si sarebbe dovuto tenere a Spoleto ‘traslocherá’  nella struttura del Foligno Rugby, già partner nel progetto.

    La manifestazione,  da quest’anno entrerà a far parte di un Progetto di ampliamento del Rugby Sevens patrocinato dalla F.I.R. e ha l’obiettivo di essere da test al primo e vero “Campionato Italiano di Rugby Sevens 2021”. Il presidente  della società di palla ovale spoletina, Alessandro Ruisi, é membro del Comitato Organizzatore che sta curando i rapporti con i vertici F.I.R. e che sta progettando il format da adottare a livello nazionale.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Francesco 2022-08-16 21:54:19
    Insisto ancora nel dire che un conto sono gli eventi come quello bellissimo ed importante di settembre che vedrà la.....
    giotarzan 2022-07-30 18:32:22
    Egregio assessore, la invito a visitare i due seggi siti in Cortaccione e dirmi se ritiene che ci siano gli.....
    giotarzan 2022-07-30 18:29:42
    Egregio assessore, la invito a visitare i due seggi siti in Cortaccione e dirmi se ritiene che ci siano gli.....
    Manuele Fiori 2022-07-07 18:07:34
    Finalmente un volto nuovo e persone serie al comando. Tanti auguri a tutti!
    Aurelio Fabiani 2022-07-07 10:27:07
    Sono d'accordo con Sergio Granelli. Se la Tesei e soci hanno dato il colpo più duro, quasi mortale, non si.....