Spoleto, l’assessore Urbani: “Rilanciare un modello di turismo di prossimità”

Nei giorni scorsi gli incontri con gli operatori del settore per rendere esecutive idee e proposte

Rilanciare un modello di turismo di prossimità contando su pacchetti specifici fatti di escursioni speciali di un giorno o di mezza giornata, di tour guidati all’aria aperta, di visite museali tematiche e compiute a piccoli gruppi, di trekking enogastronomici con degustazioni di prodotti tipici: queste le proposte operative disegnate per affrontare la necessità di rilanciare il turismo, uno dei settori più colpiti dell’emergenza Coronavirus.

Proprio per rendere esecutive le varie idee e proposte progettuali, si sono svolte nei giorni scorsi una serie di riunioni operative, organizzate in videoconferenza dall’Assessorato alla Cultura e allo Sviluppo Economico, che hanno visto protagonisti il Consorzio degli operatori turistici ConSpoleto, l’Associazione degli agriturismi, i direttori e i gestori dei musei statali e comunali, alcune associazioni del settore agro-alimentare e del turismo slow. Durante gli incontri sono state affrontate questioni tecniche, logistiche e organizzative per approntare una serie di programmi e di pacchetti utili a favorire la ripresa del turismo, durante la cosiddetta Fase 2.

Le caratteristiche straordinarie e uniche del nostro territorio, che fanno di Spoleto una città parco diffusa, sono la carta su cui puntare – ha spiegato l’assessore Ada Urbani – con un insieme di attività che dovranno essere rimodulate puntando, specie in questa prima fase,  su quello che viene definito turismo di prossimità, una serie di proposte di turismo integrato, articolate in attività che occupano mezza giornata o l’intera giornata  e che si fondano su pacchetti che prevedono la visita a musei e luoghi culturali del territorio, trekking urbani, escursioni in ambienti naturalistici, visite alle aziende agricole e assaggi di prodotti tipici, coinvolgimento anche nel progetto enogastronomia con possibile coinvolgimento, nei pacchetti pensati, di operatori del settore”.

Si tratta di una sfida che può apparire complessa e difficile – conclude la Urbani – ma che possiamo vincere, con l’obiettivo, nell’immediato, di restare sul mercato, non solo per recuperare le posizioni perse, ma anche per costruire nuovi modelli di sviluppo, capaci contemporaneamente di creare ricchezza e di prestare attenzione e rispetto all’uomo e all’ambiente”.

Share

Related Post

Related Blogpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commentiultimi pubblicati

Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
Alex 2024-04-20 21:19:21
Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....