Spoleto, la chiesa del Sacro Cuore ancora chiusa, «troppa burocrazia»

  • Letto 2828
  • La delusione e l’amarezza del parroco don Alessandro Lucentini e dell’arcivescovo Renato Boccardo per le lungaggini burocratiche post-sisma 2016 che privano la parrocchia più popolosa della Diocesi dell’unica chiesa, tra l’altro non di particolare interesse storico-artistico, e del complesso parrocchiale

    La parrocchia del Sacro Cuore in Spoleto, la più popolosa dell’Archidiocesi, in festa per la ricorrenza del Sacro Cuore di Gesù. Ricco il programma preparato dai parroci mons. Alessandro Lucentini e don Mahimai Dass Irudayam e dal comitato della Festa. Fino a venerdì 28 giugno, alle ore 21.00 c’è la celebrazione della Messa in diversi quartieri della parrocchia. Sabato 29 giugno: ore 18.00 Celebrazione eucaristica e ore 21.00 solenne Processione in onore del Sacro Cuore di Gesù presieduta dall’arcivescovo mons. Renato Boccardo. Domenica 30 giugno, celebrazioni eucaristiche alle 8.00, 10.00, 11.30, 18.00.

    Questo è il terzo anno che la festa del Sacro Cuore viene celebrata nella palestra adibita a chiesa e senza l’utilizzo dei locali parrocchiali. Infatti, la chiesa, la canonica e le stanze sottostanti sono inagibili a seguito del terremoto del 30 ottobre 2016. «La situazione della chiesa è grave e del suo recupero, come previsto dalla legislazione, se ne occupa la Diocesi», commenta il parroco mons. Alessandro Lucentini. «L’edificio adiacente – ossia la casa di noi sacerdoti e le stanze per le attività pastorali – hanno danni più lievi e potrebbero essere sistemate dalla stessa parrocchia, ma la pratica è ferma all’ufficio regionale speciale per la ricostruzione dal gennaio 2018. Chiediamo – prosegue il sacerdote – di velocizzare le pratiche, di alleggerire la burocrazia. Con l’arcivescovo Renato, a cui sta molto a cuore la situazione di questa parrocchia, abbiamo più volte fatto presente alle competenti autorità che è urgente recuperare la chiesa del Sacro Cuore. Essa, pur non avendo un particolare interesse storico-artistico, raccoglie però i fedeli della parrocchia più popolosa dell’intera archidiocesi di Spoleto-Norcia (circa settemila)».

    «Ed è l’unica chiesa sul territorio della parrocchia», tiene a sottolineare don Alessandro. «Il complesso del Sacro Cuore – prosegue – ha una valenza pastorale significativa per la parte bassa della Città: trovandosi lungo Viale Marconi e avendo spazio sufficiente per parcheggiare è meta anche di fedeli cosiddetti di passaggio. Non possiamo poi trascurare – continua don Alessandro – che qui è il punto di riferimento per le persone in difficoltà di questa parte di territorio spoletino: bussano e trovano sempre qualcuno disposto all’ascolto o a distribuire pacchi alimentari e altro. La chiesa qui è l’identità della gente che ci vive e, infatti, generalmente si dice: “sono del Sacro Cuore” e non “sono di Viale Marconi o di Passo Parenzi”. Tutte le attività dal 30 ottobre 2016 le svolgiamo nell’Oratorio: la palestra è stata adibita a chiesa e le quattro stanze sopra ospitano tutte le attività pastorali. Siamo un po’ stretti e dopo quasi tre anni – conclude mons. Lucentini – la situazione inizia a pesare». 

    L’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo, che sabato sera presiederà la processione per le vie della parrocchia del Sacro Cuore, rafforza le parole del parroco: «Sono deluso e amareggiato per queste ripetute lungaggini. Il Sacro Cuore ha bisogno quanto prima di riavere l’unica chiesa. E qui, tra l’altro, si potrebbe velocizzare il tutto non essendo un bene di elevato interesse storico-artistico».

    Comunque la parrocchia del Sacro Cuore guarda avanti con fiducia e non mancano nel periodo estivo molte attività per i giovani: i Grest per i più piccoli; un pellegrinaggio a piedi verso Assisi per gli adolescenti passando per alcuni luoghi significativi della Diocesi: Santuario Madonna della Stella in Montefalco, Santuario Santa Chiara della Croce a Montefalco, Bevagna e le figure di S. Vincenzo e del beato Giacomo Bianconi; infine, un’esperienza di lavoro e di formazione nel mese di luglio per 13 ragazzi universitari – accompagnati dallo stesso don Alessandro Lucentini e dal parroco di Baiano don Nelson Abraham – in Tanzania nella missione dei Padri del Preziosissimo Sangue. 

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....