Il Presidente dell’Istituto Amedeo Modigliani: “ossessione sui falsi Modigliani”

  • Letto 1008
  • BANNER-DUE-MONDI-NEWS-SPOLETO“Ancora una volta riscontriamo che l’ossessione sui veri e sui falsi Modigliani occupi gli spazi dei media e monopolizzi l’attenzione dell’opinione pubblica in termini negativi rispetto agli sforzi che tanti stanno svolgendo nella divulgazione della vita e delle opere dell’artista livornese. In questi giorni, da Milano, passando per Spoleto e arrivando a Taormina si stanno svolgendo iniziative innovative e coinvolgenti per italiani e turisti stranieri nel nome di Modigliani”.

    Lo dichiara Luciano Renzi, presidente dell’Istituto Amedeo Modigliani in merito alle recenti polemiche sull’opera del celebre artista toscano.

    “In questa occasione – prosegue Renzi – ribadiamo che l’Istituto Amedeo Modigliani, che è impegnato in un’attività di ricerca e ha sviluppato il format di mostra Modlight, proprio per superare le polemiche sul vero e sul falso utilizzando la tecnologia per offrire un’esperienza originale e appassionante intorno all’opera di Modì, non vende, non compra, né tanto meno certifica opere di Amedeo Modigliani.

    [wp_bannerize group=”Articoli-600×150″ random=”2″ limit=”1″]

    A differenza di tutti questi critici più volte coinvolti in polemiche, scandali e negatività intorno alla figura di Modigliani, come nel caso di Genova e di un vicenda ancora poco chiara. E non comprendiamo ancora come si possa giudicare un’opera, come nel caso del disegnoFemme Fatale, accreditata da prestigiosissimi studiosi, senza averla neanche vista”.

    La Casa Modigliani di Spoleto – conclude Renzi – quest’anno ha ospitato opere uniche di celebri artisti quali Chagall, Picasso, Utrillo e fra queste laFemme Fataledi Modigliani, che è stata valutata dal professor D’Atanasio, direttore artistico della Casa Modigliani e membro del concept board dell’Istituto, e che noi abbiamo ospitato volentieri come ulteriore testimonianza del legame fra Modigliani e la sua Jeanne. Un’operazione, che noi abbiamo pienamente condiviso con il professor D’Atanasio e che ha già avuto riscontri positivi come in occasione della visita di Vittorio Sgarbi.  L’Istituto lavora positivamente per rafforzare la conoscenza per l’opera di Modigliani e siamo stanchi di leggere giudizi non suffragati da ricerca e tecnologia. Per le future certificazioni noi stiamo lavorando in direzione della certezza offerta dalle nuove analisi ipertecnologiche che affiancano il giudizio della critica: c’è bisogno di un protocollo condiviso per un giudizio oggettivo dell’opera di Modigliani”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    One Comment For "Il Presidente dell’Istituto Amedeo Modigliani: “ossessione sui falsi Modigliani”"

    1. Daniele Benati
      Luglio 4, 2018

      La femme fatale è un falso assai noto (stessa mano del ritratto di Sant’Agata esposto a Catania), almeno quanto lo è Luciano Renzi, presidente dell’istituto Modigliani ed ex (?) collaboratore di Christian Parisot, infatti il suo istituto rilascia (su pagamento, ovviamente) dei certificati di autenticità (privi di qualsiasi valore e credibilità) sulle opere di Amedeo Modigliani.

      Rispondi

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Piero Gasparri 2019-12-05 16:36:17
    grande fotografo, sono orgoglioso di te
    Carlo Neri 2019-12-04 16:16:10
    Ma il sindaco lo sa che i fans di Patti Smith, quelli di una certa età, sono gli stessi che.....
    Adia fabbrizi 2019-12-02 18:17:11
    Alla frazione di Montebibico questa interruzione non credo comporti alcunché, in quanto la frazione si trova a 5 Km dal.....
    Patti Smith laureata ad honorem all'università di Padova | Il Bo Live … – Servizio di informazione 2019-11-29 14:05:45
    […] Spoleto, attesa per il concerto di Patti Smith | Due Mondi News – Il … […]
    vanda 2019-11-29 08:52:04
    Quando vado a Norcia durante la settimana cerco sempre qualcosa che mi comunichi che questo posto riprenda a vivere ...davanti.....