“Preoccupati per il comportamento remissivo del Sindaco Sisti che ci aveva promesso che avrebbe lottato per il nostro ospedale ed invece…”

  • Letto 634
  • Il comunicato stampa di Maria Elena Bececco e Spoleto Futura

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Se ci fosse stata la possibilità di riavere l’Ospedale di Spoleto come era prima del Covid, questo sarebbe dovuto avvenire, come promesso e assicurato, subito dopo la fine dello stato di emergenza ossia un anno e mezzo fa.
    Ma questa possibilità evidentemente non c’è e la colpa viene da decenni di gestione sbagliata della sanità umbra e così, oggi, che le risorse sono state destinate ad altre realtà, ci troviamo a leggere per Spoleto progetti che dicono e non dicono, che possono essere interpretati in un modo e in un altro ma che in fondo altro non sono che un accompagnamento verso la fine del nostro ospedale, un procrastinare quello che noi tutti temiamo ma che nessuno se la sente di dirlo in modo diretto.
    E’ da un anno e mezzo che ci viene detto che il problema del totale ripristino del nosocomio è che i medici non partecipano ai concorsi per essere assunti a Spoleto e allora mi viene da dire: ora che sapranno che in realtà l’Ospedale non tornerà più quello di prima, in quanto adesso è scritto nero su bianco che a Spoleto si faranno solo gli interventi programmati, parteciperanno ai concorsi?
    Quello di fare solo interventi programmati può essere una prospettiva allettante per un Ospedale che era un fiore all’occhiello della sanità regionale (e per alcune specialità anche nazionale)?
    Solo pochi anni fa abbiamo lottato per avere a Spoleto la partoanalgesia h24, ottenendola, ed oggi che ci viene chiaramente detto che non avremo più il punto nascite si può essere soddisfatti? Quale ostretico-ginecologo secondo voi deciderà di venire a lavorare in un ospedale in cui non può esprimere pienamente le proprie potenzialità?
    E quindi saremo daccapo!

    Per questa mancanza di prospettiva e di futuro, in questi ultimi due anni abbiamo visto bravi professionisti fuggire da Spoleto e questa emorragia non accenna a finire; abbiamo visto un Pronto Soccorso rimanere senza medici, abbiamo visto scomparire il reparto di cardiologia, abbiamo visto interi reparti trasformati in spogliatoi e rimanere tali, cosa c’è di tanto nuovo in ciò che ci è stato detto che dovrebbe far cambiare questa tendenza?
    In realtà fino all’altro ieri sulla carta avevamo molto di più di quello che è stato riferito alla massima delegazione istituzionale della Città che, invece di sbattere i pugni, si dice soddisfatta!
    Noi invece siamo preoccupati per la salute dei nostri cittadini, siamo preoccupati per il futuro della nostra Città (che senza ospedale inesorabilmente diventerà un paesotto), siamo preoccupati per il comportamento remissivo del Sindaco Sisti che ci aveva promesso che avrebbe lottato per il nostro ospedale ed invece…

    Spoleto Futura

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-11 09:58:47
    Avete già firmato il 22 ottobre 2020, con la chiusura dell' Ospedale San Matteo. Ci basta quella per conoscere gli.....