Perugia verso la Supercoppa, Max Colaci: «Le quattro partecipanti partono alla pari, nessuna si può nascondere»

  • Letto 264
  • Parla il libero bianconero a due giorni dalla final Four della Del Monte® Supercoppa

    Conferenza stampa oggi pomeriggio al PalaBarton per libero della Sir Safety Conad Perugia Massimo Colaci a due giorni dalla Final Four della Del Monte® Supercoppa in programma venerdì e sabato all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche.

    Il numero tredici bianconero ha risposto alle domande dei giornalisti presenti. Il focus è stato ovviamente la Del Monte® Supercoppa.

    “Pressione per la Supercoppa? La pressione ci sarà sempre per una squadra come la nostra, ma questo vale per tutte le squadre che puntano a vincere dei trofei. Dobbiamo saperlo ed essere bravi a conviverci. È l’inizio stagione un po’ per tutti, sarà una Supercoppa equilibrata. Questa è una competizione che tanti sembrano snobbare, ma poi tutti vogliono vincere. Per me è un trofeo importante e sinceramente non capisco perché a volte passi in secondo piano. Giochiamo contro tre delle squadre più forti al mondo, giochiamo a Civitanova dove negli ultimi anni ci sono state grandi sfide. E state sicuri che mettere una medaglia al collo è sempre bello”.

    Il discorso prosegue su quello che potrà fare Perugia nella due giorni dell’Eurosuole Forum.

    “Non siamo favoriti come nelle passate edizioni? Non credo sinceramente al fatto di essere favoriti o meno. Una squadra che ha dei giocatori come quelli che abbiamo noi perché non dovrebbe essere tra le favorite? Conosco bene chi ho accanto in campo e so di far parte di una società che vuole e deve essere sempre lì a giocarsela. Credo, come ho già detto, che le quattro partecipanti partano alla pari, nessuna si può nascondere”.

    Si passa all’immediato, cioè alla semifinale contro l’Itas Trentino.

    “Trento è ancora più forte rispetto allo scorso anno. Gioca bene, da sempre una caratteristica di questa squadra, gioca veloce con delle palle molto spinte in banda. Può certamente mettere in difficoltà una squadra come la nostra perché è uno di quegli avversari che difendono tanto e noi, se il nostro primo attacco non va subito a terra, dobbiamo essere bravi a non innervosirci. Hanno poi dei giocatori che sanno variare molti i loro fondamentali, penso a Kovacevic ed ai suoi servizi. Sicuramente contro un avversario come Trento dovremo avere tanta tanta pazienza”.

    La chiusura è sui Block Devils, sullo stato dell’arte a Pian di Massiano.

    “La vittoria con Verona, dopo un inizio di campionato con delle difficoltà, è stato uno step in avanti a livello mentale. Era importante sbloccarci soprattutto a livello di testa, questo aspetto nel nostro sport è molto importante. Stiamo lavorando molto sulla fase di ricezione e di difesa, aspetti su cui Vital (Heynen, ndr) punta molto”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Rosella fettuccia 2020-11-24 21:14:34
    Grande donna, amica di mia madre Maria Fettuccia,sempre presente nella chiesa di San Giuseppe,dove il gruppo fondato da mia madre.....
    Alberto Proietti 2020-11-24 18:54:54
    Grande Sofia!!!!!! ...... e Bella !!!!! da zio Alberto
    Calisto 2020-11-24 18:34:31
    Ogni parola o riferimento alla Sig.ra Roma corrispondono a ciò che è stata e collaborato le varie associazioni di volontariato.Un.....
    carlo Bussoni 2020-11-23 07:16:54
    In effetti si tratta di via esterna delle mura. Anche io faccio sempre confusione...interna...esterna.....
    Max 2020-11-22 18:39:24
    Via Interna delle Mura si trova in un'altra parte di Spoleto, è la parallela del tratto in piano di viale.....