L’uso del defibrillatore arriva tra i banchi di scuola

  • Letto 430
  • Lisci : “L’obiettivo è quello di fare in modo che nel giro di pochi anni la popolazione sia in grado di effettuare sia le manovre salva vita che utilizzare iI defibrillatore”

    Insegnare in maniera permanente agli studenti e al personale delle scuole superiori (secondarie di secondo grado) le manovre rianimatorie e l’uso del defibrillatore. A un mese dall’apertura dell’anno scolastico risulta quanto mai urgente dar seguito alla mozione presentata dal gruppo consiliare del Partito Democratico di Spoleto e approvata all’unanimità. “Nel documento – spiega Guerrino Lucentini, primo firmatario della mozione – si impegnano il Sindaco e la Giunta ad attivarsi con i dirigenti scolastici per istituzionalizzare l’insegnamento di quelli che sono efficaci interventi di primo soccorso in caso di arresto cardiaco”. 
    In Italia ogni anno sono 50mila le persone che muoiono o rischiano di morire per arresto cardiaco. Per non parlare della morte cardiaca improvvisa giovanile e in alcuni casi infantile che si manifesta in soggetti apparentemente sani, a volte anche in atleti. La rapidità degli interventi, nei confronti di chi è colpito da arresto cardiaco, è fondamentale. Massaggio cardiaco e uso del defibrillatore semiautomatico possono fare la differenza tra vivere o morire.
     
     
    “Ringrazio il Consigliere Lucentini per aver portato all’attenzione dell’amministrazione comunale questo importante argomento – dichiara il segretario del Pd di Spoleto, Stefano Lisci – l’obiettivo è quello di fare in modo che nel giro di pochi anni la popolazione sia in grado di effettuare sia le manovre salva vita che utilizzare iI defibrillatore. Un apparecchio sempre più diffuso in luoghi pubblici e privati, ma che diventa inutile se non si è capaci di usarlo correttamente. Ecco perché occorre formare i giovani in maniera capillare e le scuole rappresentano il mezzo più efficace”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo neri 2024-07-06 09:48:20
    La trave nel....l'occhio altrui è sempre una pagliuzza.
    Aurelio Fabiani 2024-07-04 18:04:00
    Chiunque incontri la Tesei e non rivendichi la riapertura immediata di tutti i reparti del San Matteo chiusi nel 2020,.....
    Carlo neri 2024-06-30 17:36:48
    Bocci senza lo sponsor Comune di Spoleto/PD farebbe la fame.
    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....