Il Comune di Spoleto dimezza la tassa di soggiorno, già in vigore le nuove tariffe decise dalla Giunta

Azzerati gli aumenti decisi la scorsa estate. Il sindaco Sisti: ”L’avevamo detto e l’abbiamo fatto. Il turismo va incentivato”. L’assessore Angelini Paroli: “Necessario uno sforzo corale per riavviare un deciso cammino di sviluppo”

Modifiche alle tariffe della tassa di soggiorno. A seguito della delibera del 13 dicembre scorso sono stati azzerati gli aumenti introdotti nell’estate 2021 durante la gestione commissariale.

Una decisione che la giunta comunale aveva già annunciato accogliendo le richieste rappresentate dagli operatori del settore, comunicando i nuovi livelli di tassazione che sono entrati in vigore ieri, martedì 1 febbraio.

Nello specifico sia per quanto riguarda il settore alberghiero che per quello extra alberghiero i costi vengono di fatto dimezzati: per gli alberghi a una stella si torna a 1,3 euro a notte contro i 2,6 euro precedenti, per le strutture con due stelle 1,5 euro (prima erano 3 euro), fino alle residenze d’epoca che per cui si pacherà 3,5 euro (l’aumento aveva portato la tariffa a 5 euro, ossia il massimo consentito). Discorso analogo per gli agriturismi (1,3 euro contro i 2,6 di prima), gli ostelli, country house, appartamenti per vacanze (1,5 euro e non più 3).

“L’avevamo detto e l’abbiamo fatto – ha spoiegato il sindaco Andrea Sisti – perché riteniamo si debba incentivare il turismo anche attraverso un livello di tassazione accettabile e competitiva rispetto ad altre realtà vicine. Siamo inoltre confortati dai dati che abbiamo fin qui registrato sul 2021, perché segnano una ripresa delle presenze in città dopo il forte calo del 2020”.

“Visto il disagio manifestato ultimamente da alcuni operatori del settore, questo è una delle azioni messe in campo per dimostrare l’ascolto di tali voci – ha aggiunto l’assessore al turismo 4.0 per la valorizzazione dell’economia locale Giovanni Angelini Paroli – Chiaramente è necessario uno sforzo corale per riavviare un deciso cammino di sviluppo

che veda anche momenti integrati tra amministratori ed imprenditori per l’utilizzo dei proventi derivanti dall’imposta di soggiorno. Il tutto per tornare all’attrattività auspicata dall’amministrazione e da tutte le parti coinvolte”

Gli incassi derivanti dalla tassa di soggiorno dicono infatti che si sta tornando gradualmente ai livelli pre-pandemia. Al 30 settembre 2021 il Comune di Spoleto ha registrato entrate pari a € 195.199, contro i 164.244 euro del 2020 e i € 273.359 del 2019. “Torneremo sicuramente sopra i 200.000 euro di incasso ed è un buon segnale considerando che anche lo scorso anno ci sono state notevoli restrizioni a causa dell’emergenza sanitaria – ha aggiunto il sindaco Sisti – L’intenzione è di lavorare insieme agli albergatori e ai ristoratori per cercare di recuperare velocemente il terreno perduto in questi anni”.

Intanto domani la giunta comunale darà l’ok alle modifiche relative al Regolamento per la gestione delle

Share

Related Post

Related Blogpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commentiultimi pubblicati

giotarzan 2022-07-30 18:32:22
Egregio assessore, la invito a visitare i due seggi siti in Cortaccione e dirmi se ritiene che ci siano gli.....
giotarzan 2022-07-30 18:29:42
Egregio assessore, la invito a visitare i due seggi siti in Cortaccione e dirmi se ritiene che ci siano gli.....
Manuele Fiori 2022-07-07 18:07:34
Finalmente un volto nuovo e persone serie al comando. Tanti auguri a tutti!
Aurelio Fabiani 2022-07-07 10:27:07
Sono d'accordo con Sergio Granelli. Se la Tesei e soci hanno dato il colpo più duro, quasi mortale, non si.....
Sergio Granelli 2022-07-06 21:35:44
Pero' dobbiamo essere onesti fino in fondo. Ricordiamoci anche della governatrice Lorenzetti e di tutti quelli che gli hanno consentito.....