Strada Tre Valli: assegnati gli incarichi per la progettazione del primo e secondo stralcio

  • Letto 334
  • Melasecche “rispettati tempi ed impegni. L’umbria sarà sempre meglio collegata”


    “Sono stati assegnati entrambi gli incarichi di progettazione per il primo e secondo stralcio della strada Tre Valli”. Ne dà notizia l’assessore regionale alle infrastrutture Enrico Melasecche.

    “Prosegue insomma puntualmente – afferma l’assessore – il percorso per la realizzazione della Tre Valli, uno degli obiettivi storici della giunta Tesei. Quanto al primo stralcio Madonna di Baiano-Firenzuola, approvato il progetto definitivo e finanziato per 82,5 milioni, è ora stata assegnata dall’ANAS la progettazione esecutiva che, entro pochi mesi consentirà di bandire la gara di appalto con l’apertura del cantiere entro il 2023. Ma anche la seconda notizia costituisce un punto fermo nel percorso intrapreso da due anni perchè, dopo la formalizzazione di richieste ben precise al Ministero delle Infrastrutture, sostenute da un dialogo costante, sono stati stanziati dal Commissario straordinario per il Sisma, Giovanni Legnini, 7 milioni di euro per la revisione del vecchio progetto definitivo del secondo ed ultimo stralcio Firenzuola-Acquasparta ed oggi l’ANAS ha formalizzato l’incarico alla Società di progettazione Sintagma. Entro pochi mesi, consegnato il progetto, potremo inoltrare una circostanziata richiesta di finanziamento, presumiamo di circa 300 milioni, da inserire nel contratto di programma MIMS-ANAS in fase di revisione. Con circa 7 km di galleria – prosegue Melasecche -, verrà rotto l’ultimo diaframma per giungere in pochi minuti dalla Valnerina e Spoleto alla E45, con una strada veloce a due corsie superando l’ostacolo delle montagne che fino ad oggi separavano quei territori dalla E 45”.

    “Dall’Adriatico al Tirreno verso il Porto di Civitavecchia, dall’Ascolano alla Valnerina, a Spoleto ma anche dalla Capitale – sottolinea l’assessore Melasecche – si accede nel cratere del terremoto celermente, creando nuovi flussi di interessi, culturali, economici, di scambi importanti favorendo condizioni concrete di nuovo sviluppo. Sono molto interessati al progetto anche molti comuni della fascia centrale dell’Umbria che potranno raggiungere Ascoli Piceno ed il Tirreno in tempi molto più ridotti. Il progetto di un’Umbria sempre più connessa acquista di mese in mese maggiore consistenza e lascia intravedere sia la visione alta che ha animato questa nuova esperienza politica che la validità del disegno strategico posto in essere per conseguire obiettivi fino a due anni fa inimmaginabili”.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Adolfo Sandri Poli 2022-06-11 01:36:02
    Mi congratulo co rinnovata speranza con i Consiglieri Grifoni, Dottarelli, Cretini, Imbriani, Profili, (l'ordine dei nomi è casuale) per le.....
    Francesco 2022-05-23 08:10:44
    Questa proposta "futurista" della mototerapia la trovo alquanto singolare anche per il fatto che, pur essendo, le moto, dei mezzi.....
    Francesco 2022-05-18 23:11:12
    Si, è una bella iniziativa, ma mi chiedo se convegni come questo serviranno a far si che la Spoleto-Norcia possa.....
    Giorgio proietti 2022-05-06 07:44:20
    Pover fratello mio
    fabien 2022-04-09 10:16:14
    Ma guarda un po', per il Mattatoio, i soldi ci sono grazie all interessamento della silente Agabiti(sulla vicenda dell'ospedale di.....