Fattorie Novelli: lavoratori di nuovo davanti ai cancelli

  • Letto 415
  • I sindacati chiedono il pagamento delle spettanze arretrate e massima attenzione sul
    mantenimento dell’unitarietà del gruppo


    Lavoratrici e lavoratori di nuovo in presidio davanti ai cancelli delle Fattorie Novelli a Spoleto e a Casalta (Amelia) insieme ai sindacati Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil dell’Umbria per chiedere lo
    sblocco dello stallo in cui da troppo tempo è finita la vertenza che interessa 150 addetti
    dell’azienda che produce uova per il marchio Ovito. Come noto, l’11 gennaio il tribunale di Terni ha respinto la richiesta di concordato in bianco avanzata dall’amministratore di Fattorie Novelli, dunque, l’azienda è tornata in bonis. Ad esempio vi è la preoccupazione che potrebbe riprendere l’asta giudiziale sui capannoni di Casalta e questa volta, è probabile che vada a buon fine.

    Occorre capire se la Curatela è in grado di dare risposte con un bando di vendita imminente della filiera uova, per scongiurare altre situazioni che dovesse portare alla non continuità e alla non tenuta occupazionale tutta.
    E a proposito di lavoratori, restano non pagate la 13° mensilità dei dipendenti, il TFR dei tempi
    determinati e mancano risposte sulla cassa covid19, che rappresentano la maggioranza degli
    addetti: su questo Flai, Fai e Uila chiedono con forza un intervento celere da parte dell’amministrazione.
    Infine, i sindacati sottolineano anche l’assoluta necessità di un piano di riparto per i creditori
    privilegiati (lavoratori del gruppo) e chiedono alle due procedure concorsuali di Alimentitaliani ed ex Gruppo Novelli che si adoperino per questo: ci sono decine di lavoratrici e lavoratori che aspettano da anni di rivedere i propri soldi, stipendi e altre spettanze mai pagate per importi molto rilevanti.

    “Glielo dobbiamo perché sono soldi loro e ancora di più per i sacrifici fatti in questi anni per tenere
    viva una realtà produttiva dell’importanza dell’ex gruppo Novelli – concludono Fai Cisl, Flai Cgil e
    Uila Uil – Certamente noi proseguiremo insieme a loro questa battaglia.
    Per avere risposte chiare in materia di bandi di vendita, tredicesime, tfr, cassa integrazione e sulle
    questioni sopracitate sollecitiamo un tavolo di confronto con le due curatele di Alimentitaliani e Ex gruppo Novelli e l’amministrazione delle Fattorie, che deve necessariamente essere in presenza.
    Riteniamo che, in questa fase, sia centrale agire con celerità e che l’incontro si debba fare in
    settimana e non il 25 di Gennaio 2021, non possiamo lasciare in stallo questioni di questa
    importanza. Le problematiche da affrontare, poi, sono troppo complesse per liquidare il confronto
    ad un tavolo telematico, soprattutto dato che abbiamo a disposizione spazi adeguati ad incontrarci nel pieno rispetto di tutte le norme preventive anti-contagio. L’assemblea ha, dunque, convenuto che entro e non oltre le ore 12.00 di domani (19/01/21) dovrà pervenire una nuova convocazione per un incontro imprescindibilmente in presenza. In caso contrario si intende intraprendere iniziative più incisive che riguarderanno tutto il gruppo Alimentitaliani e Fattorie.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Michele Zicavo 2022-11-30 10:07:50
    Ringrazio tutta la Redazione per l'attenzione e la sensibilità dimostrata nei confronti di questi meravigliosi ragazzi e del progetto "Calcio.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-28 21:38:55
    Ben arrivati. Il treno della protesta è partito 55 giorni fa. Comunque vediamo che volete fare.
    Aurelio Fabiani 2022-11-23 10:23:54
    INTITOLARE UNA STRADA A GINO STRADA. OTTIMA PROPOSTA. MA SE POI FAI LA STRADA OPPOSTA, QUESTA PROPOSTA NON E' UNA.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-16 20:52:40
    Vigilare sul previsto? Hanno già fatto. Chiuso il punto nascite. A chi tiene in mano le chiavi del city forum.....
    Aurelio Fabiani 2022-11-08 06:56:41
    Hanno anche il coraggio di parlare!