Celebrazioni del 25 aprile, Cardarelli: «nessuna festa, come questa, fa leva sulla speranza, sul desiderio di giustizia, sulla passione per la vita»

  • Letto 1461
  • (DMN) Spoleto – Questa mattina, in occasione delle celebrazioni della Festa della Liberazione dell’Italia dal Nazifascismo, il sindaco Fabrizio Cardarelli , dopo aver deposto una corona di alloro in onore dei Caduti nella Guerra di Liberazione, sulla lapide commemorativa  in Pizza della Libertà, ha preso la parola per portare il proprio saluto e quello della città:

    “La ricorrenza che oggi ci unisce qui, per celebrare il 72° anniversario della Liberazione, rappresenta un momento di riflessione di straordinaria importanza.  – ha esordito il Sindaco Cardarelli nel suo discorso in piazza della Libertà –Ricordare il 25 aprile è una necessità, un imperativo, un valore da ribadire. Perché esiste il rischio che la patina di ufficialità e di solennità facciano cadere in secondo piano i reali motivi che ci spingono ad essere qui presenti, oggi.  Motivi tragici, di drammatica e inesorabile concretezza. Motivi come il sacrificio, la sofferenza, il dolore, la perdita. Tragedie accadute ai nostri parenti più prossimi, agli amici, a quei concittadini che hanno combattuto per restituire al paese la dignità e la libertà. Eppure il 25 aprile genera sentimenti contrastanti, accanto alla narrazione tragica e luttuosa che la sottende, riesce ad unire, come un ossimoro, emozioni e umori diametralmente opposti. Se infatti ricordare la Liberazione significa evocare un periodo oscuro e angoscioso, nessuna festa come questa fa leva sulla speranza, sul desiderio di giustizia, sulla passione per la vita.  Un’elaborazione del lutto che serve per ripartire con diversa consapevolezza e forza interiore, consci che gli errori del passato sono premessa indispensabile per un presente di democrazia e di armonia e presupposto ineludibile per costruire un futuro migliore.

    Bene allora ha fatto il nostro presidente Mattarella a rimarcare come quello del 25 aprile sia momento originario per la democrazia, scaturigine di tutti quei valori su cui si fondano le basi del nostro Stato, i pilastri etici della nostra convivenza, valori – come il rispetto per il prossimo, la dignità, la giustizia, l’uguaglianza, la libertà – che furono barattati in nome di un presunto ideale di grandezza che ha creato oscurantismo, odio razziale, sofferenza, sopraffazione, negazione dei diritti primari della persona. Proprio per evitare tutto questo, tanti hanno combattuto e hanno perso la vita. A Spoleto in particolare dopo gli eventi dell’ottobre del 1943, quando prigionieri italiani e jugoslavi riuscirono a scappare dal carcere della Rocca e ad organizzare sacche di resistenza nei paesi e nei centri della montagna spoletina . Ma il sacrificio di tanti uomini non sarà vano se si continuerà a credere che quel patrimonio di valori, deve essere trasmesso con tenacia e convinzione alle future generazioni. E l’idea di futuro e di speranza risuona nelle parole che nel 1961 l’allora Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi pronunciò in occasione del conferimento alla città di Spoleto della medaglia d’argento al valore civile. Quelle parole, incise su una lapide affissa alla facciata di Palazzo Comunale, parlano di una Spoleto che sopportava la tragedia eroicamente “sacrificando la vita di numerosi suoi figli ma mai piegando nella sua fede in una Italia migliore”.BANNER-DUE-MONDI

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2023-01-28 11:29:13
    De Luca ok! Ma a Spoleto fanno un altro mestiere .STAVOLTA VE LO DICIAMO DIRETTAMENTE. Solo i fatti dicono chi.....
    Aurelio Fabiani 2023-01-20 22:16:38
    Un comunicato demenziale, di un campanilismo dell'immagine miope di chi vede uffici là dove noi vediamo servizi per i cittadini......
    Casa Rossa Spoleto 2023-01-08 09:27:58
    La parte che svolge Grifoni non ci piace. Un comunicato vuoto di obiettivi, con qualche "anatema", volto a sottrarre alla.....
    giotarzan 2022-12-24 15:05:16
    questo "signore" è 10 volte o forse più che viene denunciato, furti, aggressioni, foglio di via obbligatorio e chi più.....
    Massimo 2022-12-23 12:45:07
    In verità le promesse le hanno fatte a colaiacovo no ai lavoratori vergogna, come la protasi si vanta di essere.....