Casa Rossa: “Si va avanti”

  • Letto 446
  • Il comunicato stampa 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    SISTI E LA TESEI SI VEDRANNO LA PROSSIMA SETTIMANA. I COMITATI DEVONO PARLARE CON SISTI PER RIBADIRE QUALI SONO I BISOGNI DI SALUTE DELLA COMUNITÀ SPOLETINA.

    La Tesei il giorno in cui è stata bocciata la mozione per l’ ospedale di Spoleto, il 16 gennaio a Perugia, rivolgendosi al Sindaco Sisti, ha detto incontriamoci. Il Sindaco Sisti ieri, 18 gennaio, al Teatro Nuovo, ha chiesto alla Tesei: quando ci incontriamo. Risposta. La prossima settimana.

    I Comitati devono pertanto chiedere un incontro al Sindaco per mettere in chiaro che qualsiasi trattativa deve avere come risultato finale la riapertura di tutto il comparto materno infantile e di tutte le attività necessarie a un Ospedale dell’ Emergenza Urgenza, dalla cardiologia H 24, alla chirurgia d’Urgenza, alla rianimazione.
    Non si può in nessun modo accettare di ripartire con i vecchi discorsi, quelli fatti per 2 anni, dalla primavera del ’21 alla primavera del ’22, dal governo della città. Dal siamo d’ accordo all’ 80%, al: “ci dispiace per il punto nascite ma non ci sono i numeri”. E neanche ai recentissimi (novembre/dicembre 2023): il Punto nascite non è una priorità.
    Perché qualsiasi integrazione, visto che sul codice unico del Terzo Polo hanno dovuto fare marcia indietro, non può che basarsi su due Ospedali che hanno parimenti i caratteri di DEA di Primo Livello. 
    Perché quell’ approccio subalterno al potere regionale è perdente e gli è stato anche rinfacciato dagli autori della strategia che ha portato il massacro dell’Ospedale di Spoleto: Tesei,Morroni, Coletto.
    Perché la scelta della mannaia sul San Matteo è stata esclusivamente politica e non ha nulla a che vedere con i numeri. Basta riguardare i dati per capirlo.
     
     
    Nati nel 2017 
    Spoleto 498 Branca 475 Orvieto 409
     
    E non lo diciamo per cercare di individuare qualche vittima sacrificale al posto dell’ ospedale di Spoleto. Lungi da noi qualsiasi logica da campanile, ma perché i numeri nella sanità azienda non hanno nulla a che vedere con la sicurezza ma servono a stabilire dove tagliare, salvo interventi politici clientelari che aggiustano il taglio a proprio piacimento ( e hanno rotto i Morroni) come accaduto per l’ appunto per gli ospedali Umbri; a proprio piacimento e in linea con le logiche di mercato della salute che privilegiano gli ospedali di confine che portano clienti da oltre cortina, nella sanità pubblica regionalizzata.
     
    CASA ROSSA

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....