Canicross, Enrico Calandri e Lewis in Belgio per i Campionati Europei

  • Letto 1214
  • Il binomio spoletino selezionato per la Nazionale Italiana Canicross

    (DMN) – Enrico Calandri,  già campione italiano 2018 e vice campione italiano 2019 ,è a Chevetogne, in Belgio, insieme al  suo Lewis , un greyster, per difendere i colori della nazionale italiana ai campionati europei Canicross.

    Il Canicross è una disciplina cinofilo/sportiva in cui il conduttore – atleta – corre col proprio cane con un’apposita attrezzatura in un percorso sterrato che può andare dai 4 ai 6 km. 

    Il binomio Enrico Calandri-Lewis é in Belgio insieme ad altri 25 binomi italiani e garegeranno nel Week end in una competizione che vedrà la partecipazione dei migliori atleti provenienti da tutta Europa per un totale di circa 650 binomi un tutte le discipline.

    La gara si svolgerà in due manche: la prima si terrà oggi – partenza ogni 15 secondi – e la seconda domenica con partenza dal più veloce al più lento. Si tratta di un Trail molto impegantivo di circa 5.6 km con salite e discese pericolose e reso tutto più  difficile dalla continua pioggia scesa in questi giorni su Chevetogne.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Aurelio Fabiani 2021-04-29 20:27:17
    NON È COL QUALUNQUISMO CHE SI SALVA L'OSPEDALE DI SPOLETO E LA SANITÀ PUBBLICA. Col qualunquismo si riciclano solo i.....
    Andreas Müller 2021-04-26 21:27:06
    Viele Grüße aus Deutschland für deine Musik!
    carlo 2021-04-10 17:38:23
    Me sta bene tutto, ma tocca esse 'mbriachi o camminare con la testa tra le nuvole. meglio che se ne.....
    Le ceneri di Gramsci 2021-04-05 14:08:06
    La lettura del comunicato del PD rappresenta, per chi fosse un vecchio simpatizzante, un vero insulto alla tradizione di un.....
    Zorro 2021-04-03 10:46:44
    Questi sono i cosiddetti civici volontari...o meglio i dott.vinavil....che vergogna solidarietà al dott marco trippetti!