“Azzerato l’ospedale di Spoleto”

  • Letto 1010
  •  Comunicato stampa di Spoleto City Forum 

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

    Le denunce e gli appelli dello Spoleto City Forum, rappresentativo di oltre cinquanta associazioni indipendenti,erano pienamente fondati. Se le precedenti Giunte regionali avevano depotenziato in modo strisciante l’Ospedale DEA di Spoleto, quella attuale della Presidente Tesei e dell’assessore Coletto, lo ha azzerato in meno di due anni.
    Per rientrare dal debito sanitario, la Giunta regionale, con la sua recente delibera sulla riorganizzazione ospedaliera, ha prosciugato gli ospedali “minori”, facendone luoghi d’appoggio di quelli principali per sole funzioni “di comunità”, ed ha confermato sei Ospedali DEA su sette, comprensivi, sia pure con tutte le carenze, di reparti fondamentali e punti nascita. Ha disattivato solo quello di Spoleto. In concreto lo disperde nel DEA di Foligno, dove verrebbero concentrate tutte le emergenze-urgenze, cioè le attività rilevanti, lasciando a Spoleto quelle programmate, vale a dire del tutto secondarie e che non richiedono presidio sanitario 24h.

    Nessuna patologia importante o prestazione prontamente impegnativa.
    Del “Punto Nascita”, nonostante le false promesse, neanche l’idea. Sarà l’unica città umbra di rilievo in cui non è permesso nascere (nè curarsi per le urgenze). I solenni impegni della presidente Tesei “tranquilli, spoletini, dopo il Covid tutto tornerà come e meglio di prima” sono sconfessati. La gente della Valle Spoletina e della Valnerina è l’unica a non aver diritto a un vero Ospedale nella propria area.
    Di fronte a questo atto regionale, ingiusto e di gravità, è sconcertante il silenzio ostinato dell’Amministrazione Comunale che deve spiegare ai cittadini le ragioni di questa inerzia: inconcepibile complicità? Assurda rassegnazione? Tornaconto personali ? Intanto nessun Parlamentare e nessun Consigliere Regionale ha inteso intervenire per fermare questo danno che può essere irreversibile.
    Il City Forum, attento solo agli interessi generali senza fini di parte, resta come sempre disponibile ad ogni tavolo di confronto per tentare ravvedimenti e soluzioni costruttive, ma dato il precipitare della situazione invita il territorio a riprendere la mobilitazione popolare per l’Ospedale DEA che è la parte centrale e irrinunciabile della sanità pubblica.

    Spoleto City Forum 

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....