• Letto 1695
  • La collaborazione tra il “De Carolis” e la Cooperativa Sociale “Il Cerchio” ha coinvolto 10 richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione sussidiaria o umanitaria, inseriti nel programma di accoglienza SAI del Comune di Spoleto

    La collaborazione tra l’Ipseoasc “G. de Carolis” e la Cooperativa “Il Cerchio” ha dato vita al progetto ” A scuola di integrazione”: tre pomeriggi in cui gli studenti e le studentesse incontrano 10 richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione sussidiaria o umanitaria, inseriti nel programma di accoglienza SAI del Comune di Spoleto e gestito dalla cooperativa Il Cerchio.

    Il 29 marzo, il 1 aprile e l’8 aprile, dalle 15 alle 17,30, al Cantiere Oberdan o all’Aula Magna del San Paolo, dedicando ogni giornata ad una tematica, lavorando in gruppo, attraverso compiti di realtà, giochi di ruolo, testimonianze, focalizzazione sulla storia della migrazione, sui diritti e doveri imprescindibili, sul lavoro, gli studenti condividono idee ed esperienze con i ragazzi ( vi è solo una ragazza) provenienti da Afghanistan, Pakistan, Bangladesh, Iraq arrivati in Italia chi da 2 chi da 8 mesi.

    Grazie all’entusiasmo e alla capacità di comunicare, anche il problema linguistico, in questi due incontri, non ha rappresentato uno scoglio, anzi, lavorando insiemi, i gruppi di ragazzi danno vita a vivaci e divertenti situazioni.

    Quando lo scorso anno la coordinatrice del progetto SAI, Patrizia Costantini e la responsabile delle attività di Educazione Civica, Franca Gallo, hanno iniziato a pensare a questa forma di collaborazione per veicolare il rispetto delle regole, diritti e doveri di ogni essere umano, subito è stata colta la valenza educativa per tutti i partecipanti. Così, grazie alla mediazione di Agnese Talegalli e Sami Paolini, per il Cerchio, di Beatrice Emili, Matteo Papini, Maria Luisa Quarsiti, Emanuela Valentini dell’Ipseoasc, di Agnese Tomassini tante storie di vita vengono condivise, tante culture si confrontano e si fondono in nome del rispetto e della crescita collettiva.

    Determinante, nel corso della prima giornata, l’esperinza di Shah Syed Mubashar Hussain, da 7 anni in Italia, oggi parrucchiere a Foligno, studente pakistano del corso serale dell’Ipseoasc e quella di Laarafji Khaoula, studentessa del V accoglienza turistica, da sempre in Italia che fanno ben sperare in un futuro possibile dove nessuno sarà straniero.

    Share

    Related Post

    Related Blogpost

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Commentiultimi pubblicati

    Carlo Neri 2024-04-23 07:23:14
    Liberazione da cosa? da chi? dallo "straniero" per cui è stato combattuto il Risorgimento e la prima guerra mondiale? In.....
    Alex 2024-04-20 21:19:21
    Dovreste invece ringraziare chi nell'aministrazione comunale si è attivato per rendere concreto questo strumento di partecipazione del quale se n'è.....
    Aurelio Fabiani 2024-04-05 21:43:38
    Delle vostre sceneggiate non ce ne frega niente. Ce lo ridate l' ospedale o no!
    Aurelio Fabiani 2024-03-30 00:34:34
    I cerotti non nascondono le amputazioni, neanche i campagna elettorale. La città di Spoleto vuole il ripristino di tutti reparti.....
    Aurelio Fabiani 2024-03-19 21:39:22
    TESEI E IL GOVERNO REGIONALE DI LEGA, FORZA ITALIA, FRATELLI D'ITALIA STANNO PER CONCLUDERE L' OPERA DI CANCELLAZIONE DEL SAN.....